La tragedia che vede la morte di ben tre persone, è avvenuta giovedì 27 ottobre intorno alle ore 15.30 e si è svolta interamente in un condominio romano sito nella zona Due Ponti nella via Raffaele Stasi. Tutto è cominciato con il ritrovamento dei corpi di una coppia di coniugi, Tiziano di anni 67 e Perla di anni 63 entrambi pensionati, proprio nell'androne del palazzo dove marito e moglie vivevano al piano terra. La coppia sarebbe stata freddata accanto la porta di casa con un'arma da fuoco a bruciapelo. I carabinieri del nucleo investigativo di via Selci e i loro colleghi della compagnia Trionfale indagano sul caso. I militari, dopo aver sentito i vari inquilini dello stabile per ricostruire le dinamiche dell'accaduto, hanno subito dedotto che probabilmente a uccidere i due coniugi sarebbe stato il loro vicino di casa, un pensionato di ottantadue anni, con il quale le vittime avrebbero avuto un rapporto burrascoso a causa dei diversi dissidi condominiali. 

Sul posto l'intervento anche dei carabinieri di Aliquota e i pompieri.

Sospettando che il probabile assassino dei due coniugi si fosse barricato in casa armato, sono intervenuti sul posto anche i carabinieri di Aliquota, un corpo speciale di primo intervento da poco istituito e i vigili del fuoco attrezzati a forzare eventualmente la porta di casa del sospettato.

I militari hanno trovato il presunto assassino morto con l'arma ancora in pugno. Secondo gli inquirenti l'anziano uomo sarebbe stato l'assassino dei due coniugi e sempre secondo gli inquirenti l'uomo una volta ucciso i sui vicini si sarebbe recato nella propria casa e con la stessa arma del delitto si sarebbe tolta la vita. A spingere l'ottantaduenne a compiere il folle gesto sarebbero state le numerose liti che avrebbe avuto con i suoi vicini. Infatti carnefice e vittime vivevano sullo stesso pianerottolo di casa uno di fronte all'altro. La coppia di coniugi che da anni vivevano in quello stabile era ben voluta nel quartiere. 

Per essere sempre informato su gli avvenimenti di Cronaca premi su "Segui".