Nuovo Terremoto nella località giapponese di Fukushima, dove l'11 marzo 2011 un altro sisma provocò la distruzione parziale di una centrale nucleare con tragiche conseguenze per la salute degli abitanti e dell'ecosistema locale. La magnitudo registrata il 21 novembre intorno alle ore 06.00 locali è stata ridotta dall'iniziale 7.3 a 6.9, ma rimane l'allerta tsunami. L'epicentro del terremoto si troverebbe infatti a largo della costa, all'incirca a 40 chilometri di lontananza e a una profondità di 11 chilometri.

Dai controlli immediatamente effettuati non risultano ulteriori danni nei siti nucleari né un innalzamento delle radiazioni all'esterno della centrale, mentre è scoppiato un incendio in un impianto chimico della società Kureah, situato nella vicina città di Iwaku.

L'allerta tsunami e i nuovi pericoli

Come nel 2011, il sisma potrebbe provocare un maremoto con onde alte fino a tre metri che potrebbe giungere anche alle isole vicine, come Honshu.

Nella località portuale di Iwaki è già stata registrata un'onda anomala di 60 centimetri, ma la situazione potrebbe peggiorare.

Gli abitanti delle zone costiere sono stati invitati a lasciare le loro abitazioni per dirigersi verso zone dell'entroterra meno esposte al maremoto, così da minimizzare i possibili danni. Il terremoto a cui seguì lo tsunami che nel 2011 colpì la regione di Tōhoku, nel Giappone settentrionale, era di magnitudo 9.0; un'intensità decisamente superiore rispetto a quella del 21 novembre 2016, la più alta mai registrata in Giappone e quarta a livello mondiale.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Terremoto

Anche in quel caso l'epicentro si trovava nell'Oceano Pacifico, al largo di Sendai, a una profondità di 30 chilometri. I morti accertati furono 15.894, i feriti 5.314 e i dispersi 4.647. Le onde raggiunsero l'altezza massima di 40 metri infrangendosi sulle coste a 750 km/h, provocando danni classificati dall'Agenzia per la sicurezza nucleare e industriale del Giappone al grado 7 della scala INES, il massimo, a pari livello con il Disastro di Černobyl.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto