È il 30 Ottobre quando gli ascoltatori di radio maria hanno sentito ai microfoni la seguente frase shock: “Dal punto di vista teologico questi disastri sono una conseguenza del peccato originale, sono il castigo del peccato originale, anche se la parola non piace. […] Arrivo al dunque, castigo divino. Queste offese alla famiglia e alla dignità del matrimonio, le stesse unioni civili. Chiamiamolo castigo divino.”Insomma, se la terra in questi giorni sta tremando al centro Italia sarebbe colpa delle unioni civili, che avrebbero scatenato un vero e proprio castigo divino.

Il nome dello speaker al momento non è ancora certo, parrebbe (e sottolineo parrebbe) il direttore dell’emittente in persona, Padre Fanzaga, ma non ci sono ancora conferme al riguardo.

Se così fosse non sarebbe da stupirsi, visto che Don Livio Fanzaga aveva in passato già definito “sporcizia” le famiglie arcobaleno.E quindi la terribile lobby gay, dopo aver diffuso la teoria gender distruggendo l’educazione di migliaia di figli e nipoti (frase ironica, eh) adesso avrebbe addirittura raso al suolo case, edifici pubblici e patrimoni artistici, chiese comprese, a seguito dell’approvazione della legge Cirinnà che tutela la loro unione.Oltretutto, Fanzaga stesso augurò la morte a Monica Cirinnà ridacchiando con un sonoro: «brinda a Prosecco alla vittoria… Signora, arriverà anche il suo funerale.».

A prescindere da chi sia il reale autore di quell'infelice uscita, perché (ripetiamo) non è ancora stato ufficializzato il nome, è davvero triste che venga detta una frase simile a in un'emittente che dovrebbe professare pace e amore universale, secondo i valori della religione cristiana, e che oltretutto si estende con una copertura a livello nazionale.

I migliori video del giorno

Quali sono gli insegnamenti che, dunque, vogliamo trasmettere?Sfruttare una tragedia simile per una propaganda conservatrice è un colpo basso che offende gran parte degli ascoltatori. Perché il rispetto, in un Paese civile, dovrebbe essere una priorità, e lo si vede anche in queste posizioni sociali.