Sin dalle prime luci dell’alba il personale del Ros e del comando provinciale di Reggio Calabria, insieme al personale dello squadrone eliportato cacciatori ‘Calabria’ e all’8° nucleo di elicotteri di Vibo Valentia, hanno dato il via ad un'altra importante operazione, denominata operazione "Sansone", che ha portato all’arresto di 26 persone con l’accusa di estorsione, detenzione di armi, associazione mafiosa e altri reati. Secondo il pm Giuseppe Lombardo e il procuratore capo della Dda Federico Cafiero de Raho, le persone finite in manette hanno coperto e fiancheggiato la latitanza del boss Domenico Condello per circa 20 anni.

L’indagine dei Carabinieri, che ha avuto inizio due anni fa, ha portato inoltre alla ricostruzione degli assetti delle cosche legate al clan Condello che hanno fatto le veci del boss e che operavano una soffocante pressione estorsiva nella zona di Villa San Giovanni, centro focale delle attività politiche ed imprenditoriali per le opere compensative del Ponte sullo Stretto di Messina.

Si fa in particolar modo riferimento alla cosca Zito-Bertuca, del comune reggino di Fiumara di Muro, che nel corso degli anni hanno messo in ginocchio il territorio influenzandone le attività imprenditoriali.

Chi è Domenico Condello

Cugino di Pasquale Condello detto “il supremo”, Domenico Condello, classe 1956 e soprannominato “Micu u pacciu”, è stato considerato uno 30 ricercati più pericolosi d’Europa dal 20 ottobre 1993 fino al 10 ottobre 2012, quando i carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria e i Ros lo hanno arrestato tra Catona e Rosalì, frazione di Reggio Calabria. Domenico Condello è stato condannato all'ergastolo al processo “Olimpia” per associazione mafiosa, traffico di droga, estorsione e omicidio. Nel 2012 il suo arresto venne considerato una svolta “storica” poiché era l’unico del clan rimasto in libertà.

I migliori video del giorno

È attesa per le ore 11:00 di oggi, presso il comando provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria, la conferenza stampa che fornirà maggiori dettagli sul maxi blitz in corso dalle prime luci dell'alba.