L'ultima trovata tra le tantissime truffe online ai danni dei titolari delle carte Postepay ha davvero dell'incredibile e bisogna stare molto attenti. Dal momento in cui si sono sviluppate una montagna di comode operazioni attraverso i computer di casa, i furbetti di turno si sono ampiamente armati degli strumenti necessari per intercettare potenziali vittime. A lanciare l'allarme è la pagina Facebook “Una vita da social”, la quale ha ricevuto una lunga serie di segnalazioni che riguarda uno strano messaggio nel quale si richiede di cliccare su un link per associare il numero della carta al numero telefonico dei cellulari. Azione proprio da non fare!

La truffa

La nuova frontiera dei truffatori altamente esperti in informatica è proprio quella di raggirare le potenziali vittime con falsi stemmi, fotografie e addirittura identici formati di una normale comunicazione dalla propria filiale Bancoposta.

Nel caso specifico si chiede di aderire al Sistema Sicurezza web, che in realtà esiste, ma NON andrebbe effettuato online per nessun motivo, bensì recandosi di persona all'ufficio postale dove si ha il conto corrente interessato. È quanto si apprende dal comunicato preventivo diramato dal Commissariato PS Online.

Una vita da social

L'iniziativa è partita a inizio 2014 e tutt'ora è un progetto di sicurezza sull'uso corretto della Rete indirizzato soprattutto agli utilizzatori dei vari social network. Progetto che da subito aveva incassato l'appoggio incondizionato della Polizia di Stato al fine di diffondere l'importanza della condivisione delle conoscenze circa i rischi e i pericoli che si nascondo dietro un click sbagliato. Gli esperti mirano a colmare l'enorme divario tecnologico e digitale che esiste tra giovani e adulti, in maniera che insieme possano prendere le dovute distanze dalle mille insidie nascoste.

I migliori video del giorno

Inaugurato per combattere il cyber bullismo, oggi si dimostra efficace anche per contrastare il pericoloso mondo delle truffe online, dalle quali tutti siamo potenziali vittime e non solo gli anziani.