E se il Titanic non fosse affondato a causa dell'urto con un grosso iceberg ma per un incendio? E' questa la domanda che si stanno ponendo molti dopo la scoperta fatta dal giornalista Senan Molony. Questo ne ha parlato esaustivamente in un documentario trasmesso su Channel 4. Il motivo dell'affondamento del Titanic, dunque, sarebbe stato un incendio scoppiato nello scafo di cui, tra l'altro, la compagnia costruttrice era a conoscenza. Molony ha osservato attentamente alcune foto che ritraggono le fiamme in un locale vicino alle caldaie del transatlantico.

L'incendio sul Titanic sarebbe scoppiato già nel porto di Belfast

Il giornalista britannico Senan Molony ha detto che l'incendio sul Titanic sarebbe scoppiato nel porto di Belfast, proprio dove la nave venne costruita.

L'equipaggio cercò, invano, di domare l'incendio. I costruttori non vollero però rinunciare al viaggio verso New York. Quel rogo, però, svigorì molto il transatlantico fino all'urto fatale con l'iceberg, tra il 14 e il 15 aprile 1912. Quella gigantesca montagna di ghiaccio tranciò il Titanic, provocando un naufragio rimasto nella storia. 1500 persone persero la vita e molti gioielli, opere d'arte ed altri oggetti di valore si inabissarono nell'Oceano Atlantico. I costruttori del transatlantico imposero agli ufficiali di bordo di non parlare assolutamente a nessuno dell'incendio vicino alle caldaie per non essere accusati e puniti. Quella superficialità, però, sarebbe costata la vita a moltissime persone.

Costruttori del Titanic non vollero mostrare il fianco lesionato del transatlantico

Durante le indagini, Molony si è anche reso conto che i costruttori, in occasione del viaggio inaugurale, non vollero far vedere alcune lesioni che il Titanic già aveva su un fianco.

I migliori video del giorno

Non sarebbe un caso, infatti, che la nave venne ormeggiata in modo tale che i passeggeri vedessero solo il lato perfetto, non quello danneggiato dalle fiamme.

Il giornalista britannico è voluto andare a fondo sulla storia del Titanic e del naufragio. Alla fine si è dedotto che l'inabissamento dell'inaffondabile fu conseguenza di fattori eccezionali, ovvero il ghiaccio, il fuoco e l'incuria malvagia. Se il transatlantico non fosse cozzato contro l'iceberg, molto difficilmente sarebbe arrivato a New York. Quella nave era forse dannata già prima di partire.