La terra continua a tremare ancora nelle zone tristemente martoriate dal sisma negli ultimi mesi. Questa notte, intorno alle ore 4:13, un nuovo Terremoto di magnitudo 4 della scala Richter è stato avvertito nella zona dell’Aquila e in tutto il Centro Italia. Secondo l’Istituto nazionale di geofisica e sismologia (Ingv) la scossa si sarebbe verificata a 20 km da L’Aquila e oltre il Gran Sasso a 40 km da Teramo. L’ipocentro, invece, è stato registrato a 11 chilometri di profondità e l’epicentro sarebbe stato localizzato nei pressi di Montereale. Fanno parte della zona epicentrale anche i comuni di Crognaleto, Micignano, Antrodoco, Citareale Scoppito, Amatrice, Posta Borbona, Campotosto, Pizzoli, Barete, Capitignano e Cagnano Amiterno.

Nella stessa zona dell’aquilano, proprio un mese, fa si erano verificate in sequeza rapida quattro scosse delle quali il magnitudo era superiore al quinto grado della scala Richter.

La ShakeMap

In relazione a quest’ultimo terremoto, l’Ingv ha realizzato la ShakeMap, ovvero una mappa di scuotimento che fornisce un’immediata visualizzazione del livello di scuotimento della zona colpita dal sisma. In base a quest’ultima è possibile constatare come l’ultimo sisma abbia provocato scuotimenti fino alle zone di Terni, Rieti, Ascoli Piceno e Norcia. Tensione e paura per la stessa scossa che è stata distintamente avvertita anche nella zona di Pescara e nell’entroterra romano.

Nella stessa notte, intorno alle ore 2:15 e alle ore 2:57, ulteriori scosse sono state registrate a Monte Cavallo, un piccolo paese in provincia di Macerata.

Entrambe le scosse registrate hanno avuto una lieve intensità: la prima di magnitudo 2,4 e la seconda di magnitudo 2,5 della scala Richter. Anche questa notte, come da sei mesi a questa parte, altri eventi sismici hanno accompagnato costantemente il maceratese e tutto il Centro Italia per tutta la notte. Altre scosse si sono verificate in tutta Italia nella giornata di ieri.

Nonostante la nuova scossa e i boati abbiano svegliato e messo in allerta ancora una volta i cittadini del centro Italia, non sembra che si siano verificati ulteriori crolli.

Segui la pagina Terremoto
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!