Lo scavo del cunicolo esplorativo della Maddalena di Chiomonte, primo passo della Torino – Lione, è stato concluso nelle scorse ore, come ha reso noto la Telt, la società che è incaricata dei lavori.

L'osservatorio sulla Tav ha ribadito che si va avanti e “l'opera è irreversibile”, nonostante in questi anni non poche siano state le proteste degli abitanti della Val Susa, supportati da migliaia di militanti antagonisti e ambientalisti. Come si ricorderà, il picco massimo delle proteste si è raggiunto nell'estate del 2011, con i violenti scontri in valle tra giugno e luglio. Il primo round di questo lungo braccio di ferro sembra dunque averlo vinto chi sta spingendo perché il progetto venga realizzato.

Pubblicità
Pubblicità

Le cifre dei No Tav

Sul fronte opposto, però, i militanti No Tav non si arrendono e qualche giorno fa erano tornati a criticare i costi del cunicolo esplorativo: secondo loro, infatti, il tunnel della Maddalena avrebbe dovuto misurare 7,5 chilometri e costare 140 milioni di euro circa. Il costo dell'opera è stato di 173 milioni di euro, circa trenta milioni in più, per non meglio precisate “misure di sicurezza nel cantiere di Chiomonte”. Ma non è solo questo quello che contestano i No Tav, in un'inchiesta apparsa sui portali da loro gestiti. Viene infatti fatto notare come il cunicolo esplorativo sia mezzo chilometro più corto di quanto inizialmente previsto.

Pubblicità

Contestati i tempi di realizzazione

In sostanza, dunque, per realizzarlo sono stati spesi più soldi rispetto a quanto preventivato inizialmente per realizzare un tunnel più corto del previsto. Infine, vengono denunciati ritardi sui lavori, iniziati nel 2012: i 7,5 chilometri di cunicolo esplorativo dovevano essere completati a ottobre 2016 e invece si è arrivati a nemmeno sette chilometri soltanto oggi. Considerando altri sei mesi per una serie di operazioni da effettuare in una fase successiva alla chiusura dei lavori, secondo i No Tav, nel momento in cui l'opera sarà consegnata potrebbero essere passati 2.250 giorni (per una spesa giornaliera di 75mila euro) da quando il cantiere è stato avviato ufficialmente, tra violente proteste, nel luglio 2011.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto