Recentemente sono state scoperte diverse azioni compiute dall'Isis. Qualche tempo fa, a Mosul, città protagonista di molti conflitti, gli archeologi hanno rivelato una scoperta straordinaria. Gli uomini del califfato, da una parte, hanno distrutto una moschea sunnita, invece, tutto ciò facente parte del popolo degli Assiri non è stato toccato. Questi reperti sono dei veri tesori risalenti a un'epoca antecedente all'Islam. Probabilmente l'intenzione dei terroristi era quella di mettere gli oggetti in vendita al mercato nero.

Salvini elogia Vladimir Putin

Il noto politico è stato ospite a Napoli alla Mostra D'oltremare, ecco le sue parole sul tema terrorismo in Italia: "Ne avessimo dieci di Putin in Italia. Con me al governo via le sanzioni contro la Russia. Se non avessimo avuto Putin l'Isis sarebbe già a Napoli". Parole che ovviamente destano scalpore. Qualche settimana fa il nostro paese ha corso una grave pericolo, fortunatamente sventato con l'arresto di due uomini stranieri. Uno di loro era un noto atleta che aveva come obiettivo lo sterminio delle altre religioni. In molti si chiedono se l'Italia sia veramente così vulnerabile, per il momento fortunatamente ogni pericolo è stato evitato. La speranza collettiva è che le cose continuino ad andare per il verso giusto.

Successivamente Matteo Salvini esprime il suo parere sull'attuale situazione della città di Napoli: "Un cittadino su due non vota perché dice 'sono tutti ladri', ma io non ho mai avuto incarichi di governo. Fatemi fare il ministro dell'Interno per 6 mesi e vediamo se non rimetto ordine a Napoli"

I marines di Trump attaccheranno Raqqa

Secondo quanto riportato dalla Reuters, saranno i marines di Trump a dare l’assalto finale a Raqqa.

L’amministrazione del neo presidente degli Stati Uniti d'America sta valutando di spedire circa mille soldati in Kuwait come forza di riserva nella lotta all’Isis in Siria. La Cnn parla di un gruppo di marines già arrivato in Siria per sostenere le forze locali che si apprestano a lanciare l’offensiva verso Raqqa. A quanto pare Donald Trump sta iniziando la sua feroce lotta contro l'Isis.

La speranza di tutti è che questo scontro si risolva il prima possibile senza ricorrere al nucleare.