Nel corso di questa notte, una azione congiunta fra Carabinieri e Polizia di Stato ha smascherato una cellula jihadista in procinto di pianificare e organizzare nei minimi particolari un attentato da portarsi a termine prossimamente a Venezia. Questa operazione delle forze dell'ordine è stata predisposta dalla Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo della città.

Gli arrestati

Molto giovani gli arrestati, tutti kosovari, nessuno supera i trent'anni, uno addirittura minorenne. Nel nostro paese da almeno due anni e in possesso di permesso di soggiorno regolare, svolgevano attività di servizio presso i numerosi locali presenti nel centro della città, per lo più con mansioni da cameriere o maestranze di sala.

L'attività di indagine

Le indagini hanno preso spunto nell'ultimo periodo da una segnalazione anonima, nella quale si sottolinea l'attività particolarmente "oscura" dei sospettati. Tale indicazione si è associata all'anomalo andirivieni di alcuni personaggi da e verso la Siria dove, si è scoperto, prestavano una fervida attività militare. Un grosso aiuto è ovviamente costituito dai numerosi elementi reperiti nelle dodici perquisizioni effettuate, in alloggi nella disponibilità di sospetti, a Venezia, Mestre e Treviso. L'intenzione di porre in essere un attentato in grande stile, è emersa altresì nelle numerose intercettazioni disposte dall'autorità giudiziaria. Vengono menzionati paradisi affollati di vergini in premio ai martiri religiosi e desiderio di emulazione per chi ha già compiuto il gesto estremo, procurando morti e dolore fra gli "infedeli".

Grazie a questa capillare indagine a tutto tondo, si è risaliti alle relazioni degli arrestati con cellule legate all'estremismo religioso, al loro livello di radicalizzazione, ai loro sistemi di collaborazione. Per l'accesso alle abitazioni oggetto delle perquisizioni ci si è avvalsi dell'intervento di nuclei specializzati, quali i reparti speciali GIS, facenti capo ai carabinieri, e NOCS, alla Polizia.

La sinergia fra queste forze ha fatto sì che venisse sradicato il proposito della cellula jihadista di fare letteralmente esplodere il Ponte di Rialto.

Segui la nostra pagina Facebook!