Stephen William Hawking è un cosmologo, fisico, astrofisico, noto per le sue teorie sull'universo e sui buchi neri. A lui sono stati dedicati film e libri, ma negli ultimi giorni è balzato alle cronache per un nuovo motivo. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Alcuni cenni biografici

Stephen nasce ad Oxford l' 8 gennaio del 1942, da raggino ero timido e riservato, passava il suo tempo con i pochi amici che aveva mostrando un interesse sull' universo del tutto fuori dal normale, argomenti dei loro dialoghi infatti erano teoria sull' universo e su chi l' avesse creato.

Hawking racconta di come a scuola non fosse brillante, la sue genialità veniva applicata solo sulle cose grandi e complesse.

Dotato di determinazione, di intelligenza e genialità concentrò i suoi studi interamente sull' universo. A soli vent' anni ottiene la sua prima laurea. Pur essendo stato colpito da una grave forma di sclerosi amiotrofica laterale, il fisico non si fermò, continuò a portare avanti i suoi studi sui buchi neri, sull' origine dell' universo e sulla relatività.

Tra il 1965 e il 1970 attraverso un approfondito studio sui buchi neri, riesce ad elaborare un modello matematico per dimostrare l' evoluzione dell' universo dal big bang.

Nella sua ultima ricerca Hawking comprova l' ipotesi che il Big Bang fu "una conseguenza inevitabile delle leggi della fisica" e così scrive nella sua opera intitolata The Grand Design (Il grande disegno) scritta insieme al fisico Leonard Mlodinow.

In The Grand Design, Hawking scrive : "Poiché esiste una legge come la gravità, l'universo può essersi e si è creato da solo, dal niente. La creazione spontanea è la ragione per cui c'è qualcosa invece del nulla, il motivo per cui esiste l'universo, per cui esistiamo noi".

L' opera fu oggetto di molte discussioni, in quanto tramite una serie di asserzioni, il fisico negava l' esistenza di Dio, Stephen afferma: "C'è una fondamentale differenza tra la religione, che è basata sull'autorità, e la scienza, che è basata su osservazione e ragionamento".

L' importanza della sua tesi e l' inaspettato traguardo

A poche ore dalla pubblicazione della sua tesi dell' Università di cambridge, Hawking stesso è rimasto esterrefatto e compiaciuto poichè essa è stata scaricata almeno sessantamila volte, mandando i server in tilt. Hawking commenta: "Rendendo libero l’accesso alla mia tesi di dottorato, spero di ispirare le persone di tutto il mondo a guardare le stelle e non i propri piedi; per chiedersi quale sia il nostro posto nell’universo e cercare di dare un senso al cosmo.

È bellissimo sentire quante persone abbiano già scaricato il mio lavoro. Speriamo che non rimangano delusi ora che possono accedervi".

La tesi dal titolo " Properties of Expanding Universes" ,di grande importanza scientifica, parla delle implicazioni e conseguenze dell’espansione dell’universo. Fu proprio essa il trampolino di lancio che lo fece diventare uno dei scienziati più famosi al mondo, al pari di Einstein.Composta da 134 pagine scritte a macchina, ricca di calcoli scritti a mano dal fisico stesso, di teorie sulla creazione del cosmo, sul Big Bang e sull' espansione dell' universo.

Rendendo pubblica la sua Tesi, Hawking spera di alimentare la curiosità di tutti noi, affinché non si fermi la ricerca, vuole essere un ulteriore invito a non arrendersi poiché solo con la determinazione si potrà arrivare a quella verità che potrebbe rispondere a parte di quelle domande che, da sempre, ci poniamo: chi siamo? da dove veniamo?

Non ci resta che ringraziarlo per aver permesso la condivisione di un tesoro così importante, per noi e per il futuro.