Una vicenda particolare che sta facendo di lui una vera e propria star del web incuriosendo gli internauti. Un bimbo in #Cina ha percorso ben 4 chilometri a piedi, sfidando il gelo per andare a Scuola [VIDEO]. La foto scattata al suo arrivo presso l'istituto scolastico è diventata in poco tempo virale, poiché il ragazzino si è presentato a #Scuola con la testa completamente congelata ed un viso provato dal freddo glaciale.

Una foto particolare e commovente

Per quanto l'immagine che ritrae il bimbo con i capelli avvolti completamente nel ghiaccio possa far scappare un sorriso dovuto alla strana situazione, la sua storia è a dir poco commovente e dovrebbe far riflettere chi ogni giorno vive la propria vita nel benessere, sottovalutando quelle che sono le reali esigenze di chi vive in modo precario e si sacrifica per quelle cose che in realtà dovrebbero essere un diritto per tutti i bambini del mondo [VIDEO], tra cui l'istruzione.

Il protagonista della vicenda è un bambino cinese di 10 anni, è arrivato a scuola con le mani spaccate dal freddo ed i capelli completamente ghiacciati dopo aver percorso a piedi ben 4 chilometri con una temperatura di meno 9 gradi.

Si tratta di uno degli 'liushou', i bambini 'lasciati indietro'

Il piccolo ha sfidato il #Gelo pur di arrivare a scuola, si tratta di uno dei molti bambini "liushou", ossia quelli che vengono definiti come bambini "lasciati indietro" a causa delle loro precarie condizioni di vita che non hanno nulla a che vedere con le megalopoli futuristiche del paese. Si tratta di bambini che tutt'oggi vivono in località rurali del paese e che a causa del loro precario tenore di vita restano residenti in case costruite col fango essiccato. Secondo le prime indiscrezioni trapelate sulla particolare vicenda, sembrerebbe che il piccolo viva in una capanna di proprietà dei suoi nonni, poiché i genitori sarebbero in città differenti a causa del proprio lavoro e, pur di andare a scuola, avrebbe sfidato le bassissime temperature del posto.

Il giovane cinese avrebbe dichiarato di amare molto la scuola e che frequentando l'istituto avrebbe la possibilità di ricevere il pane con il latte, riuscendo ad imparare molte cose belle. Per lui, dopo l'immagine diventata virale sui social network, si sono mobilitate molte persone in Cina al fine di riuscire a portare a lui e ad altri bimbi come lui delle stufe e delle giacche calde per far sì che si possano riscaldare ed affrontare l'inverno gelido che ha colpito il paese.