Per i monogami, che per una intera vita scelgono di avere un solo compagno/a, e non accettano la presenza di un amante [VIDEO] che leda il proprio principio di esclusiva nei suoi confronti, potrà apparire incredibile e ingiusta la sentenza di un giudice che tra l'altro, costituisce un precedente a cui appellarsi da ora in avanti in casi come questo.

Si chiama pretium doloris

Per legge, quando ad esempio succede che un marito rimanga vittima di un incidente stradale, la moglie può richiedere al tribunale un risarcimento per il proprio dolore, provocato dalla perdita dell'amato. Si tratta del pretium doloris, dal latino prezzo del dolore, una sorta di coperta che copra il dispiacere e punisca chi lo ha provocato, intimandogli di versare una determinata somma.

A questa ha da sempre avuto diritto soltanto il legittimo coniuge superstite.

E se c'è anche l'amante

Qualcosa è cambiato ed in modo rivoluzionario, con la sentenza del tribunale che ha dato il via ad una svolta. E' successo quando il signor Mirco Rozzani, il 10 febbraio 2016, nell'atto di attraversare la strada, è stato investito da tale Bruna Brolla. Il poveretto, dopo 18 giorni di ospedale, è morto, lasciando una moglie affranta, che si è costituita parte civile per essere risarcita dalla signora Brolla. Per la prima volta nella storia, in tribunale non è arrivata soltanto la moglie, ma anche l'amante del deceduto. Naturalmente la moglie non ha tenuto in considerazione questa donna, di cui ha detto addirittura di ignorare l'esistenza. L'amante voleva una somma [VIDEO] che quantificasse il suo "dolore", non meno forte di quello della moglie.

Voleva insomma godere degli stessi diritti della legittima consorte.

La storia racconta di triangoli amorosi

Non ci si può stupire quando tra moglie e marito ha gioco il terzo incomodo, è successo e può succedere, dal momento che infondo siamo mammiferi, che non sempre contemplano nel proprio DNA la formula della fedeltà. In Brasile, per esempio, la prassi è costituita dai matrimoni a tre, e non solo lì. Se ad innamorarsi e a rimanere in coppia con un solo partner ce l'hanno fatta in tanti, non è stato insomma il caso del signor Mirco Rozzani, che l'amante se l'è scelta anche intraprendente e pretenziosa. Il fatto eclatante è costituito dalla decisione del giudice che ha riconosciuto a questa donna un risarcimento, al pari di quello della moglie. Questa sentenza segna un vero e proprio sconvolgimento ed un precedente a cui potranno fare riferimento altri compagni "invisibili", quelli che hanno scelto di restare nell'ombra, pur di vivere, a modo loro, un'amorosa relazione.