Quante telefonate si ricevono al giorno da amici e parenti che vogliono semplicemente dare un buongiorno o raccontare qualcosa di nuovo, tutte chiamate importanti, ma mai importanti come quella che ieri ha ricevuto #Luciana Gallus di Teulada, mamma di un ragazzo di 28 anni affetto da tetroparesi spastica. "Pronto sono Papa Francesco [VIDEO], ho ricevuto la sua lettera, vorrei conoscere la storia di suo figlio".

Mattia, 28 anni, affetto da tetroparesi spastica, figlio dell'amore

Erano le nove del mattino di ieri 11 febbraio quando il telefono ha squillato, Luciana dopo aver alzato la cornetta sente una voce, una voce che tutti conoscono, una voce che riesce a regalare un sorriso, un’emozione, un augurio, era la voce del Pontefice, che dopo aver detto alla signora di aver ricevuto la sua lettera avrebbe tanto voluto conoscere meglio la storia di Mattia.

Luciana Gallus, inizialmente incredula si è poi lasciata andare all'emozione e ha raccontato la vita del figlio. "Mattia è rimasto orfano di mamma alle età di 7 mesi, ho conosciuto il papà ci siamo innamorati e sposati e Mattia è diventato il mio cuore", è iniziato così il racconto di Luciana, una storia commovente, che parla di questo ragazzo di 28 anni affetto da tetroparesi spastica che ha trovato nella nuova compagna del papà la sua vita. Il giovane non parla, non sente e non cammina, e necessita di cure costanti e tanto tanto amore.

"Mattia ti è stato affidato dal Signore, è un dono, abbine cura"

A settembre dello scorso anno era necessario comprare un nuovo letto per Mattia e dopo avere fatto richiesta alla regione Sardegna, si era sentita dire che al massimo poteva ricevere 1.100 euro e non di più.

Ma quei soldi non bastavano per il letto adeguato alla malattia del figlio e quindi ha deciso di rifiutare "offerta" e continuare a lottare. Con queste parole ha spiegato il motivo della rinuncia: "non era una questioni di soldi ma bensì una questione di principio, mi sono sentita abbandonata dall'istituzione e così come me sono tante le famiglie con disabili che vengono "dimenticate". Ed è per questo motivo che la signora ha deciso di inviare una lettera al Pontefice, una lettera che raccontava la sua storia e chiedeva di pregare per loro. Luciana Gallus non si è arresa e dopo aver fatto un appello sui social ha ricevuto il letto per l'amato figlio, un dono che la Federazione italiana in tecniche ortopediche le ha voluto regalare.

La telefonata di Papa Francesco [VIDEO] è durata circa 10 minuti, una telefonata commovente come lo sono state le parole del Pontefice: " Pregherò per voi, per questo figlio prediletto che ti è stato affidato dal Signore". #Telefonata di Papa Francesco #Papa Francesco