Tornato in attività, il vulcano Kilauea dell'isola Hawaii ha iniziato a far parlare di se. In contemporanea alla sproporzionata eruzione del vulcano hawaiiano, ieri si è verificata sull'isola una scossa di terremoto con magnitudo 5 della scala Richter.

Evacuati gli abitanti delle zone limitrofe: le conseguenze dell'eruzione e del terremoto

La nube di cenere che si è venuta a creare per l'enorme quantità di lava, che continua a fuoriuscire dalla bocca del Kilauea, e la relativa scossa di terremoto, hanno costretto le autorità e la protezione civile dello stato a disporre l'allontanamento della popolazione di Puna e dintorni verso zone più sicure.

Uno dei residenti della zona ha affermato che ha visto fontane di lava alte circa 38 metri e che prima della scossa di terremoto è stato avvertito un forte boato seguito dal rumore di alberi spezzati. Il governatore dell'isola David Ige ha prontamente attivato la Guardia Nazionale dello Stato per risolvere le gravi emergenze che si sono venute a creare dopo l'eruzione e la forte scossa di terremoto. Inoltre ha fatto un appello ai suoi cittadini tramite il suo profilo social dichiarando di rimanere calmi e di essere cauti, collocando in un posto sicuro se stessi e la propria famiglia.

Eruzione lampo? Non lo è quella del Kilauea

"Una quantità di magma che è fuoriuscita dal vulcano hawaiiano mai vista": è questo quello che ha dichiarato Asta Miklius, un famoso geofisico dell'Us Geological Survey Hawaiian Volcanoes Observatory. Un'eruzione, quindi, che di certo non durerà solo pochi giorni, ma che continuerà molto probabilmente per intere settimane. Dopo tutto, il Kilauea, chiamato dai polinesiani anche "nuvola di fumo che sale", è conosciuto per le sue eruzioni ininterrotte.

Ultimamente ha eruttato lava per quasi 30 anni consecutivi. L'enorme quantità di magma presente all'interno dei vulcani delle isole limitrofe, costringe eruzioni lunghe e disastrose. In moltissime occasioni, negli anni precedenti, si sono verificate forti esplosioni di vapore che hanno provocato numerosi morti. Ne è un esempio quella del 1790 o quella del 1975, entrambe hanno provocato uno dei più violenti terremoti verificatosi in America, con magnitudo di ben 7,2.

Le immagini dell'eruzione dei Kilauea sui social

Il vulcano Kilauea fa paura. E' questo quello che emerge dalle immagini pubblicate e fatte circolare sui social. Fiumi di lava che raggiungono strade sterrate e foreste fino ad arrivare in mare, vapori vulcanici e forti esplosioni, sono diventate all'ordine del giorno nell'isola Hawaii. Per ulteriori informazioni sulla situazione in Hawaii rimanete sintonizzati con Blasting News.

Segui la pagina Ambiente
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!