Molto si è detto, scritto e letto in merito alla scomparsa e, in seguito, al ritrovamento del cadavere di Manuela Bailo, 35enne di Nave (BS) scomparsa il 28 luglio [VIDEO] e rinvenuta nelle campagne del cremonese la scorsa settimana. In questi giorni, sono emersi molti dettagli circa l'ultimo incontro con l'ex amante e collega, il 48enne Fabrizio Pasini, residente a Ospitaletto (BS). Proprio qui, si è consumata la tragedia: dapprima l'uomo ha sostenuto essere stata accidentale, ma le ricostruzioni degli inquirenti e l'autopsia sul corpo della Bailo hanno dimostrato il contrario [VIDEO]. Molti dettagli, appunto, la maggior parte dei quali scabrosi: dai particolari, veri o presunti, dell'autopsia fino ad arrivare alla descrizione dei comportamenti di Pasini dal 29 luglio al suo arresto.

Non da meno, le illazioni nei confronti di Matteo Sandri, ex e convivente della donna, additato dai più come presunto assassino. Il 35enne, da subito collaborativo con le Forze dell'Ordine, dopo le centinaia di commenti e post pubblicati sui social che lo vedevano ingiustamente protagonista della vicenda, si è comprensibilmente chiuso nel silenzio.

Oggi, 27 agosto, i funerali di Manuela Bailo alle 16

Anche perché oggi, alle ore 16, si celebreranno le esequie della dipendente Uil (sede di Brescia, ndr) e il silenzio è quantomeno d'obbligo. Tante le persone che vorranno ricordare Manuela Bailo, amata per la sua semplicità e vittima della brutalità dell'uomo che amava. Amici e conoscenti si stringeranno attorno alla famiglia, a Nave (BS), paese natale della stessa e della 35enne.

Il corteo partirà dall'obitorio degli Spedali Civili di Brescia, ove ha avuto luogo l'autopsia, e arriverà alla Chiesa ai piedi della Val Trompia.

I funerali e le indagini in corso

Nonostante gli interrogatori di Pasini proseguano e le sue dichiarazioni non convincano del tutto, la Procura ha dato il nullaosta per l'ultimo saluto a Manuela. I dati raccolti dal medico legale e dal Nucleo Scientifico dei Carabinieri sono sufficienti per arrivare a una reale ricostruzione dei fatti, al momento alterata da quanto affermato dal 48enne di Ospitaletto. Una vita spezzata, tanti sogni e sorrisi infranti, oltre all'indescrivibile dolore dei cari. Una vicenda che ha assunto contorni belluini e grotteschi e lascia sconcertati. All'immenso vuoto provocato dalla perdita di Manuela, si aggiunge lo sgomento dei familiari di Pasini, che dovranno fare i conti con gli effetti della vicenda.