Una storia che ha davvero dell'incredibile. L'assurda vicenda è avvenuta a Napoli, in un'abitazione di via Francesco Petrarca a Posillipo, zona altolocata della città partenopea. Un topo si è introdotto nell'appartamento e ha morso il dito di una mano al padrone di casa. La disavventura è capitata ad un medico napoletano. L'uomo è stato immediatamente trasportato presso l'ospedale 'Fatebenefratelli' di Napoli, dove è stato subito curato e medicato dal personale medico-sanitario in servizio presso la struttura ospedaliera. Per lui soltanto tanta paura e una prognosi di pochi giorni.

La denuncia

A denunciare i fatti e a comunicarli agli organi di stampa è stata una residente della zona, Alessia Giangrasso, nonché dirigente superiore, responsabile nazionale del coordinamento operativo interforze per la tutela dell'ambiente.

La Giangrasso ha puntato il dito, accusando l'amministrazione comunale guidata da Luigi De Magistris, ex magistrato e sindaco di Napoli dall'anno 2011. A suo dire, il primo cittadino partenopeo sarebbe responsabile della grave situazione sanitaria in cui versa la città: 'uno stato di totale abbandono - afferma la dirigente - contro il quale il sindaco, che è la massima istituzione cittadina nonché autorità pubblica in materia di ambiente e sanità, non fa nulla, disinteressandosi completamente delle problematiche della nostra città'.

La zona

'Il quartiere di Posillipo (zona chic di Napoli, n.d.r.) versa in una condizione di assoluta noncuranza' - prosegue la Giangrasso. 'Da moltissimi mesi, ormai, segnaliamo la presenza di escrementi, feci, sporcizia, spazzatura [VIDEO], insetti. Non è la prima volta che un topo entri in un'abitazione.

Persino gli alberi, in questa zona, sono infestati da pidocchi e altri parassiti. E pensare che qui, ogni giorno, passano decine di autobus pieni di turisti: una pessima pubblicità per la nostra amata Napoli' - conclude la referente del C.O.N.I.T.A. (Coordinamento Operativo Nazionale Interforze Tutela Ambientale). Secondo le dichiarazioni della Dottoressa Alessia Giangrasso l'assenza amministrativa delle istituzioni cittadine è riconducibile al fatto che il primo cittadino è distante dalle vicende del quartiere Posillipo, perché quella zona della città, rientrante nella prima municipalità, è abitata da persone di estrazione di centro-destra: non si tratterebbe, dunque, di suoi elettori.