I carabinieri di Torre del Greco, in provincia di Napoli, hanno arrestato un giovane di 26 anni, di cui non sono state rese note le generalità per motivi di privacy, con l'accusa di tentata estorsione, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Il ragazzo, già noto alle forze dell'ordine per altri reati, è stato in particolare accusato di aver tentato di soffocare la madre per estorcerle la somma di 5 mila euro. I militari dell'arma lo hanno fermato quasi in flagranza di reato a seguito di una segnalazione effettuata da parte del fratello.

Anni di violenze

I reati contestati al pregiudicato di 26 anni, originario della provincia partenopea, sono avvenuti ieri in un piccolo appartamento del centro di Ercolano, località della città metropolitana di Napoli. Da due anni l'indagato assillava la madre con sempre più ingenti richieste di soldi. Molto spesso la picchiava con calci e pugni per farsi dare le somme di denaro più disparate, non curandosi delle reali ed effettive possibilità economiche della famiglia.

Ogni volta che la madre gli faceva notare che forse era il caso di trovare un lavoro per far fronte ai suoi bisogni più impellenti, il giovane uomo reagiva con sonore sfuriate e atti di violenza inaudita, fra i quali il lancio anche di suppellettili e stoviglie di casa .

Il tentato strangolamento

Ieri pomeriggio, l'arrestato ha chiesto alla donna la somma di 5 mila euro. Al diniego della madre di assecondare le sue pretese, il 26enne ha reagito nuovamente in maniera brutale.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

La donna è riuscita a calmarlo momentaneamente, spiegandogli che la somma da lui pretesa era esosa per le condizioni economiche del nucleo familiare. Ma il giovane ha insistito e, provvisto di un estratto conto bancario della madre, ha continuato ad inveire contro di lei, esigendo il denaro. A nulla è valso il tentativo di spiegargli che i soldi nel conto rappresentavano i risparmi di una vita. L'aggressore, spinto dalla rabbia, ha immobilizzato le braccia della vittima e ha cinto le mani intorno al collo della madre tentando di strangolarla. Ma proprio in quel preciso istante, il secondo figlio della malcapitata è rientrato a casa bloccando il fratello. Poi ha chiamato i carabinieri.

L'intervento dei carabinieri

I carabinieri di Torre del Greco sono prontamente giunti sul luogo dell'illecito grazie alla segnalazione effettuata dall'altro figlio della vittima. I militari dell'arma entrando nell'abitazione hanno trovato la donna ancora rannicchiata in un angolo, sconvolta per l'accaduto. Successivamente hanno tratto in arresto il trasgressore per tentata estorsione, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto