Incidenti e Lavoro: un binomio a quanto pare sempre più drammaticamente diffuso in Piemonte. Sono tre, infatti, le vittime di altrettanti incidenti sul lavoro soltanto negli ultimi tre giorni: praticamente, a fine agosto, ogni giorno si è verificato un incidente che ha provocato la morte di una persona. I tre incidenti mortali sono avvenuti a Cuneo e a Torino.

Tre morti sul lavoro in tre giorni fra Cuneo e Torino

Pochi giorni fa (precisamente mercoledì 29 agosto) un giovanissimo agricoltore di soli 18 anni ha perso la vita [VIDEO] dopo essere stato colpito alla nuca da una lama che stava montando sotto il trattore e che sarebbe servita per tagliare l'erba.

Il giovane è stato trasportato d'urgenza in ospedale ma è deceduto poco dopo il ricovero. Il diciottenne stava lavorando nell'azienda agricola di famiglia a Marene, in provincia di Cuneo.

Solo il giorno successivo, giovedì 30 agosto, c'è stata un'altra morte sul lavoro. Si tratta di un cinquantaduenne che stava ristrutturando un appartamento di via Bellezia a Torino. L'uomo, padre di un bambino di sei anni, è morto cadendo dal balcone della casa torinese situata al terzo piano.

Venerdì 31 agosto, invece, a Novello (nel cuneese) un agricoltore di soli 29 anni è rimasto ucciso mentre stava lavorando con un muletto che lo ha travolto, schiacciandolo, in una famosa azienda che produce vino Barolo. L'incidente è avvenuto intorno alle 12:30 ed è subito accorso sul luogo un elisoccorso, ma il giovane ha perso la vita ancora prima di essere arrivare in ospedale.

A proposito di queste tristi vicende, si è espressa anche la assessora regionale piemontese all'Istruzione, Lavoro e Formazione Professionale, Gianna Pentenero, la quale ha ricordato le vittime dichiarando che servono misure maggiori in fatto di sicurezza sul lavoro, perché "è inaccettabile che nel 2018 si continui a morire così".

Il triste record per i morti sul luogo di lavoro del 2018 va alla Lombardia

Secondo i dati comunicati dall'Osservatorio Indipendente di Bologna, in Piemonte sono 39 i morti che si sono registrati sui luoghi di lavoro in 8 mesi, cioè dall'inizio del 2018. La Regione con il più alto numero di decessi è invece la Lombardia, dove nei primi 8 mesi di quest'anno si sono verificati ben 151 morti sui luoghi di lavoro. Un numero allarmante e purtroppo in crescita, se si considera che lo scorso anno, nello stesso periodo di tempo, i morti in Lombardia erano stati 113. Il triste primato [VIDEO] è della provincia di Milano.

Il Veneto ha invece il record del numero di incidenti sul lavoro, considerando non necessariamente i casi in cui ci siano state vittime ma anche solo quelli con feriti, più o meno gravi.