"Ai ragazzi si deve portare questa notizia bella". Così scrive, in sintesi, Papa Francesco, nella prefazione al volume "Evangelii Gaudium con don Bosco". Ci sono belle e vere notizie diverse da quelle "che passano ogni giorno sui giornali e la rete", che possono essere veicolate dai "testimoni" di Gesù Risorto. Cosi hanno fatto don Bosco e tante altre figure della congregazione salesiana che, per primi, "si sono lasciati raggiungere dalla misericordia di Dio".

Le parole del pontefice sono state commentate a Telepace News dal vescovo Enrico dal Covolo, il quale ha dichiarato di aver parlato personalmente con il Santo Padre di San Giovanni Bosco e soprattutto della "santità nella Famiglia Salesiana".

La santità dei salesiani è nella gioia

Dalle parole di Bergoglio contenute nel volume sull'Evangelii Gaudium curato dal salesiano Antonio Carriero, traspare una grande stima per il carisma di questa congregazione religiosa. L'opera contiene 25 contributi firmati da "grandi esperti" in diverse discipline, che mettono in rilievo il pensiero di Papa Francesco per far fronte a situazioni di disagio culturale e sociale nel mondo giovanile.

Tutto ciò, naturalmente, in chiave salesiana, tenendo presente ciò che ha insegnato San Giovanni Bosco in tema di educazione e prevenzione del disagio giovanile.

"Voi salesiani siete fortunati", scrive il pontefice rivolgendosi ai figli di don Bosco. Questo perché il santo piemontese sapeva essere sempre "gioioso", affrontando la vita quotidiana nel migliore dei modi. Il Santo Padre fa riferimento a quel sano "ottimismo" con cui possono essere affrontate tutte le difficoltà. Del resto, la santità di don Bosco consisteva anche e soprattutto nel suo temperamento gioioso.

La richiesta del Papa ai membri della congregazione è di essere portatori sani della gioia del Vangelo, proprio quella di cui è stato testimone il presbitero astigiano, e che conduce alla santità.

Il vescovo Enrico dal Covolo: 'Papa Francesco parla di santità della porta accanto'

Il vescovo salesiano Enrico dal Covolo, intervistato da Telepace News, ha commentato la prefazione di Bergoglio al volume, dicendo che quanto affermato dal pontefice nella prefazione del libro coincide per molti aspetti con il modello di santità rappresentato da don Bosco.

Quest'ultimo, infatti, era solito dire sempre ai suoi ragazzi: "Desidero vedervi felici". Secondo l'Assessore al Pontificio Comitato di Scienze Storiche, il Papa vorrebbe dai salesiani e da tutti i cristiani un'incarnazione nell'esistenza di quella "santità della porta accanto". Ed è proprio questo "che rende belle e felici le persone", come spiega ampiamente il Santo Padre stesso nell'esortazione "Gaudete et exsultate".

Nel testo "Evangelii Gaudium con don Bosco" il pontefice ricorda la storia della nascita della famiglia salesiana. Nella Torino dell'Ottocento, quando nascevano le grandi fabbriche, cominciavano ad emergere con forza i grandi disagi sociali.

In questo contesto particolare si inserì l'azione di San Giovanni Bosco e di tanti altri santi da lui ispirati che seppero far fronte alle nascenti emergenze. Egli raccolse tanti "ragazzi soli, abbandonati, in balia dei padroni del lavoro, privi di ogni scrupolo", accogliendoli in scuole e comunità nelle quali offriva loro la formazione adeguata.

Papa Francesco rivela di essere cresciuto in una di queste scuole, aggiungendo che chi lo ha accompagnato nella sua giovinezza lo ha "aiutato ad andare avanti nella gioia e nella preghiera". Da qui la sua benevolenza nei confronti dei salesiani, di cui dice: "Mi hanno aiutato a crescere senza paura, senza ossessioni".

Segui la pagina Papa Francesco
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!