Ora è ufficialmente residente in Sardegna, a Capoterra, e la retta del suo soggiorno in una Rems sarda – 400 euro al giorno – sarà pagata dalla Regione sarda. Luigi Chiatti, il geometra ora cinquantenne, che si era definito il “mostro di Foligno”, per aver ucciso brutalmente due bambini di 4 e 13 anni, Simone Allegretti e Lorenzo Paolucci, ora è ufficialmente residente in Sardegna. L’uomo infatti, dopo aver scontato trent’anni di carcere per il brutale duplice omicidio, nel settembre del 2015 era stato trasferito nella comunità protetta di Capoterra, in Sardegna.

Considerando la sua pericolosità sociale, infatti, era stato costretto per almeno altri tre anni ad essere messo sotto sorveglianza in una residenza protetta (Rems). La sua situazione di pericolosità sarà valutata nuovamente l’estate del prossimo anno, nel 2020. Nel frattempo, avendo chiesto lui, lo scorso ottobre, il cambio di residenza dall’Umbria alla Sardegna, tutte le spese del suo “ricovero” saranno a carico della Regione Sardegna.

Un risparmio per l’Umbria

La notizia del cambio di residenza è apparsa sul quotidiano “Nazione Umbria”. Nell’articolo viene messo in evidenza il fatto che “ci sarà un risparmio per la sanità umbra perché la Regione non sarà più costretta a pagare i 400 euro di retta. A pagare le spese di mantenimento del geometra cinquantenne – si legge nell’articolo – ora sarà la Asl di residenza, cioè quella sarda.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Che dovrà farsi carico di tutte le spese per garantire l’alloggio nella Rems di Capoterra dove Chiatti risiede dal 2015”. La legge infatti parla chiaro: la retta della residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza, in questo caso di Capoterra, dev’essere pagata dalla regione di residenza. In questo caso quindi quella sarda.

Le polemiche

L’arrivo di Luigi Chiatti nella Rems di Capoterra aveva già creato numerosi malumori in tutto il paese.

Sia gli abitanti che l’amministrazione comunale avevano infatti storto il naso, considerando la pericolosità del soggetto. Anche se il sindaco di Capoterra nel 2015 aveva assicurato che “Chiatti sarebbe tornato in Umbria appena la Rems della sua regione fosse stata pronta”. Nel 2019 il “mostro di Foligno” si trova ancora a Capoterra nonostante, quattro anni fa, fosse stato assicurato che nel giro di qualche mese il geometra sarebbe ritornato nella sua regione.

L’unica certezza – almeno per ora – è che il cinquantenne geometra ora sarà mantenuto dai contribuenti della Sardegna.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto