Una vicenda che sarebbe potuta diventare una vera e propria tragedia se non fosse stato per le grandi capacità da parte dei medici dell'ospedale dell'University College Hospital e del Great Ormond Street Hospital, nel Regno Unito. Bethan Simpson, incinta del suo bambino, è stata costretta a subire un intervento per la rimozione del feto in quanto quest'ultimo era affetto da spina bifida. Secondo quanto riferisce il noto sito Fanpage.it, infatti, i chirurghi dei due ospedali si sono ritrovati costretti ad effettuare un'operazione delicata di ultima generazione. Fortunatamente, però, l'intervento è riuscito perfettamente e adesso il piccolo gode di ottima Salute.

Pubblicità

I medici, dal momento in cui i test medici hanno rivelato la patologia da cui era affetto, hanno rimosso dall'utero della donna il feto.

Regno Unito: intervento riuscito che ha permesso al bambino di sopravvivere

Stando a quanto si apprende dal sito in questione, la donna, un'infermiera di ventisei anni di Burnham, cittadina della contea del Buckinghamshire, assieme al suo giovane marito avevano quasi preso la decisione di interrompere la gravidanza prima che sorgessero complicazioni gravi. Nel momento in cui, però, i medici hanno prospettato la possibilità di effettuare questo nuovo tipo di operazione chirurgica, i due hanno deciso di dare il consenso per l'intervento.

La giovane donna era alla ventiquattresima settimana nel momento in cui i medici si sono accorti della necessità di intervenire. L'operazione si è svolta con l'asportazione del bambino dal grembo della donna, per poi riparare il midollo spinale del piccolo e reinserirlo nella pancia per il resto della gravidanza.

Le dichiarazioni della giovane madre dopo il successo dell'operazione

A seguito dell'intervento brillantemente riuscito, la donna ha parlato in toni entusiastici, spiegando di essere ancora dolorante ma che è molto felice perché il suo bambino adesso sta bene.

Pubblicità

Come si apprende, nell'80% dei casi di bimbi affetti da spina bifida, la gravidanza viene spesso interrotta e vengono effettuati gli aborti. Anche se ci sono dei rischi sul fatto che le cose possano andare male, come ha aggiunto la giovane infermiera, adesso questa patologia non è più pericolosa come prima. 'Il nostro bimbo è speciale, fa parte della storia e ha dimostrato di meritare questa vita', così ha concluso il suo discorso la donna.