A Milano, un uomo ha aggredito la figlia ventenne perché non trovava più l'uovo di Pasqua che le aveva comprato come regalo. La ragazza, infatti, ieri pomeriggio, una volta trovato l'uovo ha deciso di aprirlo in anticipo e di mangiare un pezzetto di cioccolato. Tornato a casa da lavoro, il papà, non trovandolo più, prima le ha urlato contro rimproverandola per non averlo aspettato, e poi l'ha picchiata scagliandole un pugno in faccia, rompendole così il setto nasale.

L'uomo, che non è nuovo alle forze dell'ordine a causa delle sue maniere manesche e per dei casi di violenza in famiglia, è stato arrestato dalla Polizia per lesioni gravi.

La ragazza è stata trasportata in ospedale

L'uomo, in preda alla furia, intorno le ore 16:00 di ieri pomeriggio, ha aggredito, all'interno della sua abitazione che si trova in Via Viterbo, quartiere Baggio, nella periferia ovest di Milano, la figlia ventenne: prima l'ha sgridata verbalmente e poi, in preda alla collera, ha iniziato a percuoterla con forza.

A diffondere questa notizia, è stata la questura che è intervenuta sul posto con alcune volanti, dopo aver ricevuto la chiamata da parte della vittima.

Stando infatti a quanto riportato dall'Ufficio prevenzione generale, l'uomo di cinquantatré anni, era così in collera che non avrebbe visto di buon "occhio" il gesto innocuo della figlia ventenne. Dopo aver ricevuto dal padre un fortissimo pugno, incredula e in preda al terrore, la ragazza è riuscita a scappare, a rinchiudersi in una stanza della sua abitazione e a chiamare la polizia e i soccorsi per essere aiutata.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Le forze dell'ordine subito intervenute, hanno ammanettato l'uomo con l'accusa di lesioni gravi, l'hanno trasportato al comando e successivamente in carcere. La ragazza, invece che aveva il viso ricoperto di sangue, è stata trasportata dal 118, in codice verde, all'ospedale San Carlo di Milano. Non è in pericolo di vita, ma le è stata diagnosticata la frattura del setto nasale.

L'uomo ha ammesso il motivo di questa lite

Trasportato in questura l'uomo ha subito confessato il vero motivo della discussione e della violenza nei riguardi della ragazza: ha infatti ammesso che la causa della sua ira era stata l’apertura, in anticipo di due giorni, dell’uovo di cioccolato che le aveva comprato.

L’uomo, che aveva già dei precedenti penali per furto e che era stato già in passato o meglio nel 2017 segnalato sempre per violenza, anche in questa occasione in seguito ad una lite furiosa con la figlia, è stato subito ammanettato ed arrestato dalla polizia per lesioni gravi.

Questa storia incredibile, che ha destato non poco clamore è accaduta ieri pomeriggio, giorno di preghiera e di commemorazione in attesa della Santa Pasqua.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto