Si sono vissuti momenti di vera tensione questa mattina intorno alle ore 13:00 nel pieno centro di Caserta, dove un uomo di 45 anni, Gianfranco Lamonica, si è barricato in un bar che frequentava armato di una pistola, con la quale minacciava di fare una strage. Tutto è successo in pochi, concitati istanti. L'uomo è spuntato all'improvviso e ha minacciato i passanti con l'arma da fuoco, poi è entrato nell'esercizio commerciale e si è barricato dentro.

Pubblicità
Pubblicità

A questo punto avrebbe cominciato anche a puntare la pistola contro la gabbia di un pappagallo. Poi ha puntato la stessa arma contro la cassiera, che ha quel punto non ha retto alla paura ed ha accusato un malore. Quest'ultima è stata prontamente soccorsa.

Ferito alla testa

Nel frattempo sul luogo del fatto di cronaca, che si trova al rione Tescione, sono giunte alcune volanti della Polizia del locale commissariato, che hanno accerchiato l'esercizio commerciale, in modo che l'uomo non potesse fuggire.

Pubblicità

In breve tempo la situazione è degenerata, gli agenti, temendo che l'uomo potesse fare qualche sciocchezza, sono stati costretti ad intervenire e hanno sparato. Purtroppo uno dei proiettili ha colpito il folle alla testa, e adesso si trova in condizioni disperate in ospedale. A quanto pare parlava sempre della sua missione in Afghanistan, prima di essere riformato. Tutti lo conoscevano perché in città girava sempre con una tuta mimetica, proprio come quella dei militari.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Lo conoscevano bene anche i proprietari della caffetteria Chimera, luogo della sparatoria, i quali non si sarebbero mai aspettati che proprio quella persona potesse compiere un gesto simile. I presenti sono ovviamente rimasti tutti sotto choc per quanto successo.

Il militare: un mestiere a cui teneva molto

A quanto sembra, almeno dalle prime informazioni che trapelano dalla Campania, pare che il soggetto tenesse molto al mestiere di militare.

La sparatoria poi è avvenuta in luogo particolarmente pericoloso, in quanto in zona si trova anche una parrocchia, e anche dei minori, semmai si sarebbero trovati sulla traiettoria dei proiettili o avessero anche solamente assistito alla scena, potevano avere gravissime conseguenze. Le sue foto da soldato compaiono su tutti i suoi profili Facebook. Sicuramente nelle prossime ore, o al massimo nei prossimi giorni, si potranno conoscere ulteriori particolari su questa triste vicenda.

Pubblicità

A breve dovrebbe essere anche emesso l'altro bollettino medico che informerà sulle condizioni di salute dello sparatore. Fortunatamente nessun'altra persona è rimasta ferita, ne tanto meno uccisa. Certo è che poteva una strage. L'uomo risiede nel quartiere Puccianiello, non lontano dal luogo in cui ha deciso di seminare il terrore.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto