Nella tarda mattinata di oggi nel palazzo del Comune di Rocca di Papa, cittadina facente parte della Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini, si è verificata una forte esplosione. Forse causata da dei lavori sulla conduttura del gas.

Violenta esplosione nel comune di Rocca di Papa

Sono almeno sedici i feriti gravi registrati al momento, incluso il sindaco di Rocca di Papa, Emanuele Crestini. Quest’ultimo si trovava all’interno del suo ufficio al momento dell’esplosione. Ha riportato ferite gravi alle braccia ed è rimasto ustionato al viso.

Al momento si trova ricoverato al Centro Grandi Ustioni dell’ospedale Sant’Eugenio.

Il secondo ferito registrato è un operaio che stazionava a pochi centimetri dai lavori di messa in visione e sicurezza della suddetta conduttura del gas. Anche per lui ustioni al viso e alla schiena.

Il restante dei feriti sono tre bambini, di cui una bambina di 5 anni trasportata con urgenza in eliambulanza presso l’ospedale Bambin Gesù di Roma mentre gli altri due sono stati trasportati a Frascati per esaminare al meglio le eventuali cure.

La bambina ha riportato un grave trauma facciale e cranico.

Feriti in maniera lieve anche altri cinque adulti che sono stati medicati sul posto dai relativi agenti di soccorso. Il resto delle persone coinvolte ha riportato ferite di lieve entità ma sono in corso ulteriori aggiornamenti.

L’esplosione

Una parte della parete dell’edificio del comune è crollata a tal punto da sgretolarsi e finire rapidamente in strada.

Nei dintorni del centro dell’esplosione, scuole e locali pubblici sono stati repentinamente evacuati. Probabilmente verranno messi in sicurezza previa visione per evitare eventuali danni ingenti e relativi crolli ulteriori.

Nello specifico, l’esplosione si sarebbe verificata al piano terra. La deflagrazione ha coinvolto fino l’ultimo piano del palazzo e le vetrate della vicina scuola d’infanzia Montanari, frequentata dai piccoli rimasti coinvolti.

Una cittadina in allerta per i soccorsi

Sono stati proprio i vari amministratori di zona, il vicesindaco Veronica Cimino e l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato a rivolgere a tutti i medici e alle persone competenti in zona di recarsi sul posto per dare una mano e verificare eventualmente altre persone in pericolo o ferite. I soccorsi che si sono levati in zona sono due elicotteri, cinque ambulanze e due automediche della locale Ares 118.

Al vaglio l’apertura di un fascicolo

Nel tardo pomeriggio di oggi, il pm della Procura di Velletri ha disposto l’apertura di un fascicolo per delineare al meglio quanto accaduto.

Le ipotesi al vaglio al momento sono di disastro colposo e lesioni gravi. L’accusa volgerebbe verso ignoti. Di sicuro nelle prossime ore i magistrati ascolteranno dei testimoni per verificare il tutto. Anche Virginia Raggi tramite un tweet ha manifestato la vicinanza per quanto successo.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!