Ha destato scandalo e indignazione il post scritto su Facebook dal Vicepresidente del Consiglio di Vercelli Giuseppe Cannata. "Ammazzateli tutti ste lesbiche, gay e pedofili" è quello che si legge e che, oltre a paragonare in modo inspiegabile, i pedofili (quindi colpevoli di uno dei reati più bassi che una persona possa compiere) agli omosessuali, incita alla morte e all'omicidio. La violenza verbale del VIcepresidente ha scosso il paese piemontese ed anche il panorama politico e non.

Cannata, oltre al suo impegno politico nelle file di 'Fratelli d'Italia' guidato da Giorgia Meloni, nella vita è medico e dichiara di non essere omofobo, di avere tanti amici omosessuali e di aver aiutato spesso tutti. Il vicepresidente, eletto poco più di un mese fa quando è stata rinnovata l'amministrazione cittadina, dice inoltre di aver scritto il post (poi rimosso) in un impeto di indignazione successivo alla lettura di alcune notizie relative agli incresciosi fatti di Bibbiano.

Le polemiche, le richieste di dimissioni e espulsione dall'ordine dei medici, Cannata si dimette

La scintilla però, ormai, è scoccata come sempre quando un post o qualsiasi altro contenuto viene postato in rete. Non è servito, infatti, il tentativo di cancellare il post perché qualcuno aveva già fatto uno 'screenshot' cioè aveva già fotografato quelle parole permettendo di avere una prova inconfutabile dello 'scivolone' del neo vicepresidente.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Pubblica Amministrazione

Sono state molte le reazioni da varie parti politiche e non. La prima ad indignarsi, come evidente e comprensibile, è stata l'associazione Arcigay che ha chiesto le dimissioni ed ha dichiarato che gli omosessuali non si sono mai sentiti insultati e aggrediti in questo modo da una persona che fa parte dell'amministrazione della città. L'Arcigay ha richiesto le dimissioni di Cannata dal Consiglio e dall'Ordine dei medici.

Anche Giorgia Meloni, a capo di 'Fratelli d'italia', ha pubblicamente mostrato la sua distanza dalle parole del politico locale specificando che quelle parole non fanno parte del pensiero del partito.

La Meloni ha, inoltre, specificato che Cannata è stato eletto tre mesi fa da indipendente nelle liste di FDI ma non è stato mai iscritto al partito. Anche la ministra della sanità Giulia Grillo ha dichiarato che certe parole non sono mai tollerabili ma in particolar modo da chi indossa un camice.

L'ordine dei Medici di Vercelli ha reso noto che si provvederà ad avviare gli atti prodromici per l'apertura di un procedimento disciplinare e la Procura di Vercelli lo ha iscritto nel registro degli indagati per istigazione a delinquere, aggravata dal fatto di aver commesso il fatto attraverso strumenti informatici e telematici.

Nel frattempo, però, Giuseppe Cannata ha presentato le sue dimissioni come vicepresidente ma molti stanno pretendendo che l'uomo lasci anche la sua posizione come consigliere.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto