Durante le prime ore del mattino del 1 luglio i media americani comunicano che è stato recapitato un pacco contenente il gas Sarin presso gli uffici postali del quartier generale di Facebook, a Menlo Park - uno dei distretti della Silicon Valley, il paradiso della new economy, in California.

Che cos'è il gas Sarin e quando è stato usato?

Il gas Sarin è un gas nervino: sotto questa etichetta si collocano tutti gli aggressivi chimici volatili che hanno effetto letale.

Il Sarin fa parte di questa famiglia ed è stato classificato come arma chimica di distruzione di massa, si presenta come un vapore inodore e incolore. L'intossicazione può avvenire per inalazione o attraverso contatto cutaneo e colpisce il sistema nervoso, come gli altri agenti nervini.

Più volte è stato utilizzato come arma di guerra, ricordiamo uno dei suoi usi più recenti: nel 1995 venne impiegato da una setta religiosa per un attacco terroristico alla metropolitana di Tokyo, provocando diversi morti e tantissimi casi di intossicazione.

Il pacco sospetto lasciato davanti ai magazzini postali

Sono ancora poche le notizie che si hanno riguardo un pacco consegnato presso i magazzini del quartier generale di Facebook. La macchina che scansiona tutta la posta in arrivo sembra aver lanciato un avviso per una possibile presenza di Sarin, ma i risultati dei test sembrano incerti: dalle prime analisi condotte sulle buste era stato dichiarato esito positivo per il gas Sarin, eppure una seconda più accurata analisi sembra escludere questa possibilità a causa dell'esito negativo: si tratta forse di un "falso positivo"?

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scienza Ambiente

"Le macchine possono commettere degli errori" spiega il capo dei vigili del fuoco di Menlo Park.Nel frattempo però è stato dichiarata l'allerta e alcuni portavoce di Facebook, da quanto riportato dal Telegraph, informano che sono state avviate le operazioni di evacuazione di quattro edifici del quartier generale: alle operazioni hanno partecipato l'Fbi e la Guardia Nazionale.

Inoltre si assicura l'inesistenza di un possibile contagio: il test è stato condotto soltanto su due dipendenti, che potrebbero essere entrati in contatto con la sostanza, manipolando il pacco ma i risultati sono negativi, quindi sembra che non ci sia nessuna forma di intossicazione.

La sicurezza dei dipendenti è una questione di primaria importanza e siccome i punti di domanda attorno alla vicenda sono ancora molti, l'Fbi sta portando avanti delle indagini per cercare di capire esattamente con che cosa si ha a che fare. Dunque, mentre proseguono le ricerche del caso, si assicura che saranno date nelle prossime ore delle informazioni aggiuntive per fare luce sulla vicenda.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto