Tre lunghe notti di angherie e soprusi di vario genere, questo ha dovuto subire una giovane donna di 28 anni, originaria di Foligno, che il 31 luglio scorso è stata prelevata con la forza dal suo ex compagno, un cittadino albanese di 30 anni irregolare sul territorio italiano e già noto alle forze di polizia umbre. La svolta di questo sconcertante caso di violenza è arrivata però venerdì scorso 2 luglio, quando la donna è stata costretta dall'uomo a seguirla in un viaggio a Roma.

Qui, una volta arrivati nei pressi dell'outlet di Castel Romano, approfittando di una distrazione del 30enne, la donna ha trovato il coraggio di lanciarsi dalla vettura in corsa. Nonostante tutto, l'albanese è tornato indietro, prendendola a schiaffi e pugni, cercando di riportarla alla macchina. A questo punto sono intervenuti dei passanti e alcune guardie giurate in servizio presso il centro commerciale che hanno allontanato il soggetto, il quale si è dileguato subito dopo.

Ricercato e trovato dalla polizia

Gli agenti del commissariato di polizia di Spinaceto si sono recati immediatamente sul luogo del fatto di cronaca, ma dell'uomo non c'era nessuna traccia. I militari hanno provveduto subito a tranquillizzare la vittima delle violenze, che poi ha raccontato agli stessi quanto subiva ormai da un anno. La donna ha parlato di un rapporto malato: l'uomo la minacciava anche di non dire niente a nessuno di quello che le succedeva.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Il suo grande coraggio ha consentito di porre fine a quest'orrore. Le Forze dell'Ordine hanno anche provveduto a reperire i filmati di videosorveglianza ripresi dalle telecamere installate in zona. Nella serata del 2 agosto le speranze di ritrovare il malfattore erano davvero poche, poi però in serata è arrivata la svolta. I poliziotti si sono messi in contatto con una giovane di Foligno che conosceva molto bene la vittima e la stessa le ha narrato quanto accadeva alla vittima.

Agli agenti di Spinaceto e ai colleghi di Foligno non è restato altro da fare che raggiungere l'uomo per arrestarlo. Gli agenti hanno trovato uno stratagemma e gli hanno dato appuntamento alla stazione dei treni della città umbra, dove è stato ammanettato e portato in carcere a Spoleto. Le accuse a cui dovrà rispondere sono gravissime: sequestro di persona, violenza sessuale, minacce e lesioni.

Vittima portata in ospedale

I sanitari del 118, anch'essi intervenuti sul posto, hanno condotto la giovane in ospedale, dove è stata sottoposta a tutti gli accertamenti del caso.

Nel frattempo i suoi parenti, che risiedono in Umbria, hanno provveduto a raggiungere la 28enne per assisterla. Per lei lo choc è stato davvero tanto. Non si tratta del primo caso del genere che capita in Italia: proprio qualche giorno fa, sempre a Roma, una giovane ha denunciato di essere stata abusata da un uomo dopo che quest'ultimo l'aveva invitata a bere. L'episodio si sarebbe verificato nei pressi di Villa Borghese.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto