Un brutto fatto di cronaca è venuto alla ribalta nella giornata di oggi, 7 settembre, ad Ascoli Satriano, nel foggiano, dove il corpo senza vita di un uomo di 30 anni, è stato trovato semi-carbonizzato all'interno di un capannone abbandonato che si trova sulla strada provinciale 89. In un primo momento si è anche pensato al gesto volontario, e nessuna ipotesi è stata scartata, fino all'arrivo del medico legale, che ha riscontrato che sul soggetto vi erano feriti compatibili con quelle di un'arma da fuoco. Lo stesso è stato colpito alla testa e al torace, ma non è chiaro ancora se l'arma utilizzata dal killer sia un fucile oppure una pistola.

Vigili del Fuoco allertati per l'incendio al capannone

Secondo quanto riporta la testata giornalistica locale online, Foggia Today, questa mattina i Vigili del Fuoco sono stati allertati per un incendio scoppiato in località San Carlo d'Ascoli, dove stava andando in fiamme il capannone su detto. Qui dentro i pompieri hanno trovato un'auto in fiamme, che non era di proprietà della vittima, e poco distante il corpo esanime del 31enne.

L'immobile è stato anche danneggiato dalle fiamme scoppiate al suo interno. Sul posto, subito dopo la macabra scoperta, sono arrivati i carabinieri della locale stazione, che hanno proceduto ai rilievi del caso. Secondo quanto riferisce Repubblica, il soggetto era noto alle Forze dell'Ordine per piccoli reati contro il patrimonio. Al momento non si conosce neanche il movente del delitto. Gli inquirenti riferiscono che Giordano possa essersi incontrato con qualcuno all'interno del capannone: qui l'omicida sarebbe passato all'azione, uccidendo il soggetto. Adesso le autorità procederanno al riconoscimento ufficiale della vittima, questo per fugare ogni dubbio sulla sua identità.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Si pensa ad un episodio non legato alla criminalità organizzata

Sempre dai media locali e nazionali si apprende che, così come anche precisato da chi indaga, il delitto non è da ricollegare alla criminalità organizzata foggiana, questo in quanto mancherebbero tutti gli elementi utili per poter affermare un' ipotesi del genere. Certo è che si tratta di un atto delittuoso, il cui autore probabilmente sarà identificato a breve.

I carabinieri sperano di fare chiarezza sull'accaduto vedendo anche i filmati ripresi dalle telecamere della cittadina foggiana: sembra infatti che l'uomo abbia percorso le vie del paese prima di arrivare sul luogo dove ha poi trovato la morte. Non è dato sapere neanche se ci siano ulteriori fori sul corpo della vittima, in quanto, come già detto in apertura, alcune parti presentavano gravissime ustioni.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto