“Uno scandalo di vasta portata e duraturo nel tempo”. Eric Schmitt, procuratore generale del Missouri, definisce così l’inchiesta che ha portato alla luce una lunga serie di abusi e condotte improprie nei confronti di minori da parte di uomini di Chiesa nello Stato americano. Gli atti relativi a 12 persone, che in passato hanno ricoperto il ruolo di sacerdoti, saranno inviati ai magistrati locali che potranno avviare procedimenti penali nei loro confronti. Secondo quanto riporta il New York Times le indagini avrebbero dimostrato le responsabilità di ben 163 religiosi, di cui però 80 sono morti nel frattempo, mentre altri 16 sono stati già processati in passato.

Il silenzio delle gerarchie religiose, durato decenni

Per decenni, secondo il procuratore generale, le gerarchie cattoliche avrebbero ignorato le centinaia di vittime e cercato di proteggere i sacerdoti. In uno dei casi che saranno sottoposti a procedimento penale, un prete avrebbe condiviso il letto numerose volte con dei bambini, fino a quando la diocesi non lo ha messo in congedo nel 2016. Un’altra volta sarebbe stato permesso ad un religioso di tornare al proprio ministero, nonostante un’accusa del 2015 per aver abbracciato ed insistentemente baciato un bimbo.

A quanto pare, prima che le indagini fossero concluse, tutte e quattro le diocesi cattoliche del Missouri avrebbero condotto una propria inchiesta, arrivando a compilare una lista di accusati di ben 160 nomi, non si sa se coincidenti con quelli indagati da Schmitt. Secondo le leggi dello Stato il procuratore generale non può perseguire direttamente i casi di abusi, ma deve affidarli ai pubblici ministeri locali.

Le indagini sugli abusi

Numerose sono le vittime ascoltate nel corso delle indagini: in totale gli ex sacerdoti avrebbero abusato di centinaia di bambini.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Cronaca Nera Papa Francesco

L’arcivescovo di St. Louis, Robert J. Carlson, ha spiegato in una nota che la sua diocesi si è impegnata a collaborare con le autorità, cercando di dare sostegno a coloro che hanno subito violenze ed alle loro famiglie, oltre che impegnandosi per garantire maggiore sicurezza per i bimbi. Tuttavia in molti tra i difensori dei piccoli molestati sospettano che altri nomi di sacerdoti responsabili siano stati tenuti nascosti dalle autorità religiose. Secondo altri, anche i vertici della Chiesa in Missouri dovevano essere indagati per non aver denunciato nulla in passato.

Il portavoce del procuratore generale ha spiegato a riguardo come l’attenzione degli inquirenti si sia concentrata solo sugli autori diretti dei presunti crimini. Precedentemente un’indagine simile era stata condotta in Pennsylvania, svelando i silenzi dei vescovi ed il gran numero di sacerdoti implicati, circa 300, che avrebbero molestato più di mille bambini nel corso dei decenni passati. In seguito a questa prima grande inchiesta, altri 17 Stati americani hanno cominciato a far luce sugli episodi di abusi da parte di religiosi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto