L'Unione Europa si spacca e nel frattempo la Turchia continua l'attacco contro i curdi in Siria: più di 300 i morti e 100.000 i civili in fuga in meno di tre giorni. E scatta anche l'allarme ISIS: sarebbero decine i foreign fighters pronti a tornare in Europa. È questo lo scenario di fronte al quale l'Europa è chiamata a prendere posizione. Con le dichiarazioni tutti i paesi occidentali si erano detti d'accordo nel condannare l'attacco turco in Siria; tuttavia ieri, nel momento in cui gli ambasciatori dei paesi UE si sono riuniti per discutere le sanzioni contro la Turchia, l'Europa si è riscoperta essere completamente spaccata.

Europa: tutte le posizioni

Diverse le posizioni emerse nell'incontro di ieri tra gli ambasciatori europei: un primo fronte, composto fra gli altri dall'Italia e dalla Francia, chiede che vengano approvate sanzioni economiche contro la Turchia, un altro fronte, composto dai paesi scandinavi e dall'Olanda, chiede che l'Unione Europea voti un embargo sulle armi (ovvero un blocco sulla vendita di armi ai turchi).

Infine, vi è un altro blocco guidato dalla Germania della Merkel, e del quale fanno parte anche i paesi di Visegrad, che opta per una linea morbida per paura di ritorsioni: la Turchia, infatti, continua a minacciare l'invio di 3,6 milioni di rifugiati in Europa nel caso in cui si intervenga nell'attacco. La decisione finale sulle sanzioni verrà molto probabilmente presa settimana prossima (giovedì o venerdì), quando si incontreranno i capi di Stato e di governo. Per ogni decisione servirà un voto unanime, cosa che rende molto complicato ogni possibile accordo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Erdogan continua l'attacco e chiede un miliardo di euro all'UE

Nel mentre che l'Europa e gli USA sono fermi a discutere, la Turchia continua l'attacco: nella serata di ieri, durante un raid aereo, le truppe turche avrebbero colpito "per sbaglio" le truppe USA (non causando nessuna vittima) e anche in questi minuti continua l'avanzata dell'esercito turco. Erdogan, intanto, chiede un miliardo di euro all'Unione Europea per continuare a contenere i rifugiati che dalla Turchia vorrebbero spostarsi in Europa; in virtù di un accordo stipulato nel 2016, infatti, l'UE si impegnò a versare 6 miliardi di euro (gli ultimi 200 milioni dovrebbero essere versati a breve) nelle casse turche in cambio dell'impegno di Ankara a trattenere i rifugiati.

In queste ore, tuttavia, Erdogan ha deciso che questi soldi non bastano più. E minaccia: nel caso in cui questi ulteriori soldi non dovessero arrivare, la Turchia lascerà partire verso l'Europa 3 milioni e mezzo di rifugiati. Un rischio che difficilmente l'Europa correrà.

E nel mentre che il mondo è fermo a guardare, Erdogan non si ferma ma, anzi, rilancia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto