Il pronto soccorso dell'ospedale di San Martino di Genova, ha attestato che la giovane Ilaria Caccia di 27 anni è morta in seguito a una sepsi meningococcica. La ragazza genovese era stata ricoverata in gravi condizioni nel reparto di rianimazione.

Visto il caso di meningite, l'Asl ha attivato nell'immediato la profilassi diretta a tutte le persone che sono entrate in contatto con la ragazza, la quale risiedeva presso la zona di San Martino. Gli ultimi contatti che ha avuto la giovane risalgono a sabato scorso quando ha partecipato a un evento presso la parrocchia sita in via Padre Semeria. Inoltre, Ilaria lavorava presso un locale a Genova con mansioni di cameriera.

L'infezione che l'ha portato alla morte: sepsi meningococcica

Matteo Bassetti il direttore dell'unità operativa Malattie infettive del Policlinico San Martino ha spiegato i motivi che hanno portato alla morte la giovane 27enne. Si è trattato di una sepsi meningococcica, un contagio che si è esteso in modo particolare nel sangue. C'è stato anche un'attenzione sul piano delle meningi, ma Ilaria Caccia è morta perché il batterio si è introdotto nel sangue e l'organismo della ragazza ha reagito in modo aggressivo provocando quello che in termini medici viene definito choc settico.

Nella serata di ieri Ilaria Caccia ha iniziato a sentirsi male, giunta al pronto soccorso la notte passata. Purtroppo, a nulla è servito l'intervento dei medici. L'avanzare dello stadio della sepsi meningococcica è stato rapidissimo, stroncando la giovane vita.

Il direttore Bassetti, comunque rassicura i cittadini, essendo verificato che di questi casi ne sono stati riscontrati pochissimi. La malattia legata al meningococco è avvenuta attraverso le vie respiratorie, attualmente le analisi sono tutt'ora in corso.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Cronaca Nera

Di certo, si sa che il batterio si è diffuso nel sangue generando un'infezione letale portando la giovane genovese a uno shock settico. Pur ricevendo nell'immediato una tempestiva terapia antibiotica, Ilaria non è riuscita a sopravvivere. Parliamo, comunque d'infezioni devastanti, e seppur gli interventi sono stati rapidi non si è potuto far niente di più.

Il professore e direttore della Prevenzione e Programmazione sanitaria di Alisa Filippo AnsaldiIl ha spiegato che il decorso della malattia è stato talmente fulminante che oltre non si è potuto fare.

La giovane ha mostrato i primi sintomi ieri: è giunta al pronto soccorso del San Martino intorno alle ore 5 e alle 11.30 è avvenuto il decesso. Resta da dire che in Liguria pochi sono i casi registrati di sepsi da meningococco. Al momento, non è ancora chiaro il tipo di virus che ha colpito Ilaria provocandone la morte.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto