Sono peggiorate nelle ultime 24 ore le condizioni di salute del Premier britannico Boris Johnson che è stato trasferito in terapia intensiva: lo ha comunicato Downing Street. Tuttavia, al momento sarebbe cosciente e non necessiterebbe di ventilazione polmonare secondo quanto precisato dal Ministro Michael Gove a Radio Lbc. Il Ministro degli Esteri Dominic Raab è subentrato a Johnson per sostituirlo in questo periodo di malattia.

Il sostituto Dominic Raab: 'Johnson è in mani sicure'

Il Premier conservatore Boris Johnson aveva dichiarato pubblicamente di essere risultato positivo al Covid-19 il 27 marzo tramite un video sui social: 'Nelle ultime ventiquattro ore ho sviluppato dei sintomi lievi e sono risultato positivo al test.

Sono in isolamento, ma continuerò a guidare la risposta del governo a questo virus tramite videoconferenza', aveva dichiarato.

Attualmente, secondo le notizie trapelate nelle ultime ore, il Primo ministro non è assistito da un ventilatore ma sta ricevendo sostegno tramite l'ossigeno ed è tenuto sotto stretto controllo dai medici del St. Thomas Hospital, a Londra. È stato ricoverato domenica sera a causa dei sintomi del Covid-19 che si facevano sempre più persistenti. Nel pomeriggio di ieri, poi, il peggioramento delle sue condizioni e il trasferimento nel reparto di terapia intensiva dove sarebbe stabile.

'Sono di buon umore e mi tengo in contatto con la mia squadra per lavorare insieme, combattere questo virus e proteggere tutti - aveva scritto Johnson su Twitter appena 24 ore fa.

Grazie al sistema nazionale britannico, il migliore, per prendersi cura di me e di tutti gli altri in difficoltà. Ricordatevi di rimanere al sicuro a casa'. Secondo quanto riporta Downing Street, Boris Johnson avrebbe chiesto al Ministro degli Esteri e primo segretario di Stato Dominic Raab di sostituirlo per quanto possibile: 'Il Primo ministro è in mani sicure e sta ricevendo ottime cure', ha dichiarato Raab.

Boris Johnson e la frase choc: 'Abituatevi a perdere i vostri cari'

Boris Johnson è fra i tanti leader che hanno inizialmente sottovalutato la situazione Coronavirus. Alcune sue dichiarazioni, rilasciate proprio quando in Italia erano scattate le prime misure restrittive per contenere il contagio, avevano creato disapprovazione non soltanto nel Regno Unito.

Il primo ministro aveva suscitato una generale indignazione quando, resosi finalmente conto dell'emergenza sanitaria, dichiarò: 'Molte famiglie perderanno i propri cari, abituatevi a farlo'.

Nel frattempo Trump augura pronta guarigione all'amico e leader britannico: 'È forte, gli auguro di guarire presto'. Anche la Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, manda un messaggio al Premier britannico: 'I miei pensieri sono verso di lui e la sua famiglia'. Un messaggio di vicinanza giunge anche dal neo capo dell'opposizione laburista Keir Starmer: 'È una notizia terribile, l'intero Paese è con Johnson'.

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!