Ieri sera mercoledì 1 luglio il governatore della regione Campania Vincenzo De Luca ha firmato l'ordinanza n.59 che contiene ulteriori riaperture e misure di prevenzione per l'emergenza sanitaria da Coronavirus. In particolare, il presidente ha dato il via libera agli sport di contatto come calcetto e basket da lunedì 6 luglio e al ballo in discoteca da sabato 4 luglio.

Via libera a calcetto e basket e balli in discoteca

Da lunedì si ritornerà a giocare a calcetto e basket a livello amatoriale con gli amici: è questa la decisione della Regione Campania. Ovviamente, nell'ordinanza è specificato che sono consentiti tutti gli sport di contatto, sempre però rispettando tutte le misure precauzionali.

Ma non è tutto, in quanto sono stati presi anche altri provvedimenti ed è stato approvato il protocollo di sicurezza per le attività di ballo nelle discoteche, nei locali e lounge bar a partire dal prossimo sabato 4 luglio. Quindi, si potrà tornare al divertimento di questi locali notturni rispettando tutte le norme.

Inoltre, sempre per quanto riguarda la regione Campania, sono stati autorizzati diversi eventi ed esibizioni per le bande musicali, così come è stato dato il via libera alle sagre. Ottima notizia per gli addetti ai lavori di quest'ultimo settore che in questi mesi hanno chiesto a gran voce che venissero presi dei provvedimenti.

Apertura dei bar senza più nessun limite d'orario

Altra grande novità della nuova ordinanza del governatore De Luca è la liberalizzazione degli orari di chiusura dei bar e gelaterie, così come già precedentemente fatto per ristoranti, pizzerie, pub e altri esercizi della ristorazione campana.

Inoltre, non ci sarà più nessun obbligo di somministrazione al banco o ai tavoli, però allo stesso tempo è stato confermato il divieto di venditi di alcolici d'asporto dopo le 22:00. Così come è stato ribadito ancora una volta il divieto di consumare bevande alcoliche nelle aree pubbliche della Regione dopo le dieci di sera.

Rimossi i limiti di presenza per le gite in mare con imbarcazioni da diporto

Lo scorso 9 maggio la regione Campania aveva autorizzato il diportismo nelle acque del mare locale. In particolare, era stato permesso di poter uscire per mare in navigazione a bordo delle unità private, anche se era consentita solo la presenza del nucleo familiare convivente.

Allo stesso tempo però erano previsti dei limiti di presenza per questo tipo di imbarcazione (il 25% della capienza omologata). Ebbene questi limiti sono stati rimossi nella nuova ordinanza ed è stato dato mandato all'Unità di Crisi di modificare gli attuali limiti di presenza sui mezzi di trasporto regionali, anche marittimi, in ogni caso nel rispetto delle esigenze di sicurezza dell’utenza.

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!