"Non ho commesso nessun reato, continuerò a dare voce a Denise Pipitone". Giacomo Frazzitta non ha nascosto l'amarezza per aver appreso dai media la richiesta di provvedimento disciplinare avanza dall'Anm (Associazione Nazionale Magistrati) di Palermo. L'avvocato di Piera Maggio si è soffermato sull'intercettazione che ha spinto i magistrati ad agire nei suoi confronti per le parole pronunciate, proprio contro i giudici, al telefono con una sedicente testimone del caso Denise. "È parziale, in quella stessa intercettazione ho citato i magistrati che si stanno occupando del caso parlandone positivamente" - ha sottolineato il legale che ha precisato di aver ricevuto la Pec del Consiglio dell'Ordine dopo che la notizia era stata divulgata da alcuni organi di stampa.

"In genere sono atti riservati che spesso non vanno neanche all'ordine del giorno del Consiglio dell'ordine degli avvocati". Giacomo Frazzitta ha chiarito che quanto accaduto non frenerà il suo operato nella ricerca della verità per Denise Pipitone. "L'ho fatto in questi 17 anni sempre onestamente e continuerò a farlo" - ha chiosato aggiungendo che si opporrà alla richiesta di archiviazione della Procura di Marsala sul caso della figlia di Piera Maggio, scomparsa il 1° settembre 2004 a Mazara del Vallo.

L'avvocato Frazzitta sulla richiesta dell'Anm di Palermo: 'Intercettazione parziale'

L'Associazione nazionale magistrati di Palermo ha chiesto al Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Marsala di valutare l'apertura di un procedimento disciplinare a carico del penalista.

Quest'ultimo ha ribadito di avere piena fiducia nell'operato della magistratura e di non aver mai espresso giudizi negativi. "Si tratta di un'intercettazione parziale, ho espresso solo pareri positivi nei confronti dei magistrati che rappresentano il nostro principale punto di riferimento" - ha riferito l'avvocato di Piera Maggio che ha sottolineato che da quando è scomparsa Denise Pipitone c'è stata sempre massima collaborazione con i pm che si sono occupati del caso.

"Non ho commesso nessun reato. Sto cercando Denise e continuerò a farlo nel rispetto delle regole come ho sempre fatto" - ha rimarcato Frazzitta che non ha nascosto il rammarico per le modalità con le quali è stata divulgata la notizia. "Ho ricevuto la Pec del Consiglio dell'Ordine alle 13:20 dopo averla appresa dai media".

Piera Maggio difende il legale: 'Qual è lo scopo di tutto ciò'

Giacomo Frazzitta si è soffermata sulla richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura di Marsala annunciando di avere l'intenzione di presentare opposizione. "È previsto dal codice e non è uno sgarbo nei confronti della Procura" - ha spiegato il legale di Piera Maggio. Dall'altra parte la madre di Denise Pipitone ha espresso massima fiducia nell'operato del legale rimarcando che ha sempre svolto il suo lavoro con onestà.

"Qual è lo scopo di tutto ciò. Questo modo di procedere di sicuro non è a favore nostro e di Denise". La richiesta del Anm di Palermo sarà valutata dal Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Caltanissetta in quanto Giacomo Frazzitta è consigliere a Marsala.