Alessandra Musolino, maestra d'asilo di 28 anni, non ce l'ha fatta. L'incidente stradale sulla tangenziale di Lecce, di cui è rimasta vittima nel pomeriggio di sabato 4 giugno, non le ha lasciato scampo.

La giovane donna era a bordo della sua Renault Modus quando, per cause ancora in fase di accertamento da parte delle forze dell'ordine, ha sbandato finendo fuori strada.

Auto contro guardrail, impatto fatale

Nell'incidente stradale la vettura di Alessndra Musolino ha impattato contro un guardrail che ha rotto il parabrezza, trafiggendo l'abitacolo.

Una scena alla quale hanno assistito impotenti diversi automobilisti che hanno allertato i soccorsi.

Sul posto sono giunti immediatamente i sanitari del 118 e la polizia locale. La giovane maestra è stata trasportata presso l'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce dove è giunta in condizioni disperate. Poco dopo i medici ne hanno dichiarato la morte cerebrale a causa delle ferite troppo gravi riportate durante l'impatto.

Il guardrail ha letteralmente trafitto l'auto

Il guardrail, contro il quale è avvenuto lo schianto, ha letteralmente attraversato l'auto da una parte all'altra, proprio dal lato del conducente dove Alessandra Musolino si trovava. Un impatto davvero violento che purtroppo ha reso vani i disperati tentativi del personale sanitario di tenerla in vita.

Non è ancora chiaro cosa sia accaduto di preciso e se nell'incidente stradale siano coinvolte altre vetture o se, semplicemente, il tutto sia avvenuto a causa di una fatale distrazione della donna mentre era alla guida. La dinamica dell'incidente stradale è al vaglio delle forze dell'ordine che hanno sequestrato l'abitacolo e il cellulare della giovane maestra, ritrovato sull'asfalto.

Sul caso è al momento in corso una indagine atta a ricostruire i momenti precedenti alla tragedia.

Incidente stradale mentre tornava a casa

Alessandra aveva finito il suo turno di lavoro e stava tornando a casa, come ogni giorno.

Nata e cresciuta a Taranto, si era trasferita a Lecce subito dopo il diploma di maturità. Lì ha intrapreso la carriera universitaria, conclusasi circa un anno fa con la specializzazione in servizi sociali e aveva trovato l'amore.

Da poco aveva iniziato a lavorare come maestra d'asilo, una passione che coltivava da sempre e che è riuscita a trasformare in lavoro.

La sua morte in questo incidente stradale è una vicenda che ha scosso l'intera comunità, lasciando increduli quanti la conoscevano sia nel leccese che nel tarantino, sua città d'origine in cui è cresciuta.