Andrea Diprè, noto e controverso critico d’arte, si cimenta nella recitazione nel suo primo film. Trattasi di un cortometraggio diretto da Alex Vemdel, nome d’arte di Alessandro Canesin, ed interpretato da Diprè in coppia con un cammeo finale dello stesso regista.

Andrea Diprè: il suo primo film

Il titolo di questa prima fatica cinematografica prodotta dallo stesso Andrea Diprè è Milano Babilonia. Il video del film è presentato dallo stesso Diprè con una breve introduzione insieme al regista. Dopo pochi minuti dal caricamento sul suo account Youtube, grazie alla grande pubblicità offerta dalla sua pagina Facebook, il film era già super cliccato. L’interpretazione del nostro Andrea Diprè ricorda molto il Jerry Calà dei tempi peggiori, ma i suoi fans si accontentano della sua carismatica simpatia e chiudono un occhio.

Milano Babilonia: la trama

La trama del film è molto facile ed essenziale. Un imprenditore milanese (Andrea Diprè) decide di accompagnarsi ad una escort della città e va a trovarla nella sua casa per passare delle ore spensierate. Le riprese (molto amatoriali) mostrano i momenti intimi della coppia con il nostro Diprè che osanna continuamente le prestazioni della donna e si abbandona a storpiature di aforismi alquanto bizzarri, come quella di kantiana memoria: “Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro Diprè”. Dopo aver completato il loro “incontro” i due si danno appuntamento negli uffici dell’imprenditore per gettare le base di un futuro rapporto di lavoro.

Andrea Diprè: il contenuto del film

Il film è decisamente trash (anche se il regista ritiene di ispirarsi al più apprezzato genere exploitation), il contenuto sembra voler evidenziare l’estrema importanza del ruolo delle escort nell’Italia di oggi, facendone una critica sociale ed un pregio allo stesso tempo, fino ad esaltare Milano come capitale del fenomeno. Aspettiamo nuove puntate del fenomeno Diprè sperando magari che il suo prossimo film, se davvero dovesse avere luogo, sia confezionato un po’ meglio.