Educare è difficile e l'educazione oggi trasmessa assume un significato che tende "all'oblio e alla banalità", dice l'autore del testo sociologico. Assistiamo a maleducazione, aggressività trasgressiva, immaturità, mancanza di valori, frutti di ruoli di genitori in crisi e di un sistema educativo istituzionale che in buona parte rinuncia a incidere nel tessuto delle nuove generazioni. Nel percorso educativo bisogna contrastare il vuoto esistenziale e riprendere il valore dei termini quali ordine e disciplina per ricalibrare il significato dell'educare attivamente con profitto ed efficacia.

Alla base esiste una mancanza di ordine e disciplina collettiva e tra le stesse mura domestiche le funzioni pedagogiche sono saltate in nome di una libertà assoluta pretesa senza merito. Per l'autore Vittorio Andreoli, psichiatra italiano, e studioso dei fenomeni sociali adolescenziali, il fallimento dell'educazione è l'espressione di un malessere familiare diffuso con conseguente inquietudine interiore e ribellione comportamentale.

Educare i figli è divenuto arduo, difficile, impresa quasi impossibile che può diventare possibile, secondo l'autore, se fosse riscoperta più unità tra i genitori, responsabilità nella conduzione dei compiti genitoriali e partecipazione coordinata tra tutte le figure di riferimento che influenzano il giovane (nonni, assistenti domiciliari, insegnanti, parenti e amici e altri).

Per riuscire a ottenere un percorso evolutivo in sintonia con la visione educativa più utile per l'educando, "trasformare un figlio in un uomo o donna" capace di affrontare l'esistenza, bisogna uscire dall'ignoranza emotiva e comprendere le sfumature dei sentimenti che affollano il processo della crescita.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Libri

L'amore va donato, offerto per scaldare le menti e con il quale valorizzare le "memorie private" e riscoprire il patrimonio storico racchiuso in ognuno di noi che influenza il percorso evolutivo (involutivo) del singolo individuo.

L'autorevole autore crede nell'educazione e scrive questo libro per offrire spunti ai genitori e agli educatori in merito alla possibilità di ripensare e rimodellare in un'ottica di pronunciato benessere dell'agire ordinato e educato, la funzione formativa della scuola, famiglia, dei luoghi associativi e società intera.

L'educazione è preminente per il progresso collettivo e va intesa nel concetto allargato di auto-formazione, raccolta personale d'istruzioni per crescere e rispondere con adeguata flessibilità alle sfide della vita, miglioramento del pensiero critico e della cultura del proprio agire personale e sociale, cortesia nel saper ringraziare gli altri, compostezza nel dialogo e nell'interazione col partner o la prole, civile agire nell'ambiente che si frequenta e rispettando regole di buona convivenza comunitaria.

Troviamo spesso pessimi esempi educativi attraverso i quali il messaggio recepito è fare ciò che piace e pare senza rendere conto a nessuno, subito tutto e senza aspettare, "eiaculando precoci desideri" continuamente e senza contegno. È sempre utile leggere Libri come quello citato per non dimenticare l'importanza di dare contenuto al termine "educazione" che inizia in famiglia, passa per la scuola e poi torna al singolo che ha il compito di completare il percorso della sua conoscenza interiore e del miglioramento continuo.

Educare all'azione è la sfida di oggi e farlo bene è un arduo compito da svolgere su se stessi e sugli altri.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto