Alain Resnais è morto. Sembra incredibile a dirsi, lui che all'età di 91 anni sembrava ancora un ragazzino. Ma ci ha lasciato, nelle scorse ore, salutando per sempre Parigi e il mondo.

Lui che ha vinto ogni premio, lui che all'indomani della Seconda Guerra Mondiale seppe creare un nuovo linguaggio cinematografico. Aveva capito tutto: dopo le bombe nucleari, dopo i campi di sterminio, dopo la Guerra non era più possibile raccontare il nostro mondo con racconti legati da vincoli di causa-effetto.

Sceglie l'irrazionale, il perturbante, si presta al montaggio parallelo, destrutturando quanto conosciuto sino ad allora. Esplora le relazioni tra l'esperienza concreta e l'immaginario, l'immateriale, l'artificio. Semplicemente, un Maestro. Figlio di una famiglia borghese ma ben poco "borghese" al Cinema: capace di rischiare a ogni nuovo film, audace di fronte alle difficoltà dei soggetti. Quasi alla ricerca costante, per fare film infattibili.

E li ha fatti. Una vita destinata al cinema: il primo cortometraggio a 14 anni, il trasferimento a Parigi per seguire la sua passione. Poi la gavetta: particina da attore in un film di Marcel Carné, aiuto-regista, montatore, direttore della fotografia.

Ma l'Anno è il 1959, l'anno di "Hiroshima mon amour", il film-capolavoro con al centro la storia d'amore tra un architetto giapponese e un'attrice francese.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cinema

Il non rispetto della struttura cronologica, la memoria individuale che si compenetra con quella collettiva della storia, un flusso ininterrotto di coscienza tra reale e immaginario. Il film, una delle opere pacifiste più belle di tutti i tempi, presentato fuori concorso al Festival di Cannes, divide subito i critici. Il presidente di giuria, Marcel Achard, sbotta: "C'est de la merde". Un altro giurato replica: "No, è l'opera di un autentico genio".

Ad ogni modo, il film interpretato dall'indimenticabile Emmanuelle Riva si rivela un successo strepitoso.

Resnais è anche l'autore politico per eccellenza. L'interesse per la storia recente si rivela in molti dei suoi primi film: "Muriel, il tempo di un ritorno"(1963) sulla guerra in Algeria, "La guerra è finita" (1966), storia di un militante comunista sullo sfondo della guerra spagnola anti-franchista.

Resnais non ha mai concepito, tuttavia, il suo cinema come strumento di militanza: l'attenzione alla Violenza della Storia è sempre stata parte indispensabile di una preoccupazione più generale sull'immaginario, di una riflessione sulla memoria e sul tempo, fattori costitutivi della fragile e imprendibile identità di ognuno. Negli anni, Resnais comincia dunque a indagare ancor più in profondità l'animo umano, tra pulsioni sessuali e la lotta per la sopravvivenza che riportano l'uomo alla sua natura animale.

Tutto ruota attorno a un'ossessione crescente per la morte, la malattia, il suicidio. È un periodo cupo, pieno d'angoscia e di pessimismo.

E il Resnais uomo? Com'è stato? Ce lo racconta Bruno Pésery, uno dei suoi produttori più fedeli. Lo ha descritto come un edonista capace di passare ore e ore a tavola, tra musica e risate. Resnais ha capito che l'unico modo per esorcizzare il fantasma della morte era quello di prendersene gioco. Cosa c'è di meglio di un "Aimer, boir et chanter" (amare, bere e cantare), il suo ultimo film presentato poche settimane fa al Festival di Berlino, come perfetta risposta all'angelo della morte che pochi giorni dopo l'avrebbe preso per sempre? Grazie, Maestro.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto