Navigando su Internet tra un artista e l’altro, alla ricerca di un cantante francese, si possono fare delle ottime scoperte musicali. Si parla di Tété, musicista e cantante di origine senegalese che, trasferitosi in Francia a due anni con la madre, ha incominciato a sviluppare le sue doti musicali prendendo lezioni di violino e solfeggio.

Incomincia a suonare la chitarra, la sua vera passione, da autodidatta, in seguito ad un incidente in cui si rompe la gamba. Lo stile variegato che caratterizza la sua musica è anche frutto di ascolti disparati: dai Beatles e Tom Waits a grandi artisti jazz, come Miles Davis.

Si diploma e si laurea ma la vena artistica è troppo difficile da placare, e così, dopo gli studi universitari, si esibisce per le strade e nei bar di Parigi.

A 25 anni, Tété inizia ufficialmente la sua carriera con l’incisione di Préambule (2000); un disco con cui il giovane cantante si fa conoscere con quattro brani pop/rock in cui la chitarra acustica è predominante.

Il tempo passa ed i successi si susseguono: A la faveur de l’automne è una ballata in francese che malinconicamente racconta di un autunno segnato da un amore ormai finito, e si conferma uno dei brani più ascoltati su Spotify e Last.fm. Stesso successo per un’altra ballata che vi resterà in testa: L’envie et le dédain.

L’artista senegalese conferma il suo successo con l’uscita, nel 2013, del suo quinto album, intitolato Nu-là bas. Il disco, al primo impatto, regala ritmi coinvolgenti tra il pop, il rock, il folk, lo swing e il blues. Se ascoltato parallelamente al primo disco dell’artista risulta evidente la maturità costruita da Tété. Il singolo, Ritournelle, è una canzone pop in cui l’artista si interroga come si dice ti amo senza farne poesie e scherza sul suo accento senegalese. Molto belle anche Nu-là bas, canzone da cui prende il nome lo stesso disco, che racconta un amore che nasce e La bande son ta vie, un pop malinconico con un ritmo coinvolgente. E per finire, non bisogna perdersi, tra i pezzi più belli, A l’ancienne, una perla tra rock and roll e swing.

L’artista ha alle sue spalle tantissimi concerti ed esibizioni a festival internazionali. Si è fatto conoscere in Australia, Stati Uniti, Inghilterra e Giappone ma si spera che arrivi anche in Italia come ospite di qualche festival di musica internazionale.

Buon ascolto e buona musica.