I Verdena non si smentiscono mai. Il loro nuovo Endkadenz vol.1, parte di un progetto più ampio che andrà a concludersi quest'estate con l'uscita del secondo volume, è un altro coraggioso salto nel vuoto. Una storia lunga vent'anni, quella della band bergamasca, fin da subito capace di calcare le scene col suo rock alternativo nevrotico e febbrile, sospeso tra asperità grunge e sensibilità pop. Un percorso caratterizzato dalla totale assenza di fretta (diversi gli anni puntualmente intercorsi tra un'uscita e l'altra) e dal coraggio di resistere ai condizionamenti esterni, ribadendo ogni volta una grande libertà e un'elevata attitudine alla sperimentazione.

Endkadenz vol.1 arriva quattro anni dopo il monolitico Wow, doppio album che già allargava sensibilmente i confini del sound dei fratelli Luca e Alberto Ferrari e della bassista Roberta Sammarelli, aprendo ad un variegatissimo pop psichedelico. Registrato e masterizzato in proprio presso lo storico Henhouse, un pollaio trasformato in studio di registrazione, il nuovo lavoro segna un ulteriore tentativo di allargare lo spettro sonoro e ridefinire le regole compositive della band.

Brani come "Ho Una Fissa", "Un Po' Esageri", "Rilievo" e "Inno del Perdersi" sono sommersi da muri di distorsioni che sconvolgono i timbri di ogni strumento, dalle percussioni di Luca Ferrari alle chitarre imponenti e mai così heavy di Alberto, la cui voce è perennemente filtrata e trattata.

Le incursioni rumoriste sono numerose, dal marasma di "Sci Desertico" all'evoluzione sovraccarica di "Alieni Fra di Noi". Non mancano piacevoli momenti dove si appianano le dissonanze aprendo alla dimensione acustica ("Nevischio") o ai motivi briosi di piano ("Contro la Ragione") testimoniando l'intatta vocazione pop della band.

Un disco coraggioso, dove i contorni dei brani sono in continua mutazione, senza un attimo di tregua per l'ascoltatore. Un disco, però, profondamente legato al cammino dei Verdena, che entusiasmerà certamente i fan di ieri e di oggi.E dal 27 febbraio parte da Rimini un tour che, per un mese, attraverserà l'Italia permettendo ai molti appassionati di assistere ad un evento che si preannuncia imperdibile.

Segui la nostra pagina Facebook!