Dopo quasi due anni dall’uscita dell’album "Black Traffic”, tornano prepotentemente sulla scena della musica internazionale gli Skunk Anansie con "Anarchytecture", sesta opera della band britannica. L’album (CD, LP, download digitale) è stato pubblicato ieri, 15 gennaio 2016, dall’etichetta discografica Ear Music e prodotto da Tom Dalgety. Undici brani inediti di alternative rock, “contaminati” da musicata elettronica, tra questi, "Death to the lovers", singolo che sarà presentato in anteprima domani, 17 gennaio 2016, durante la trasmissione di Fabio Fazio, “Che tempo che fa”, in onda sulla terza rete nazionale; in programmazione in Radio, invece, da martedì 19 gennaio prossimo venturo.

Il nuovo Album "Anarchytecture"

L’album è stato registrato a Londra presso i RAK Studios. Il missaggio audio è stato affidato allo stesso Dalgety che si è avvalso della collaborazione di Jeremy Wheatley, mentre la masterizzazione è stata realizzata dall’icona Ted Jensen presso gli Sterling Sound Studios di New York. Il disco è stato suonato dalla band classica degli Skunk Anansie - gruppo attivo dagli anni ’90 - che ha mantenuto quasi sempre salda la formazione dei suoi componenti, ovvero: Skin, il chitarrista Ace, il bassista Cass Lewis e il batterista Mark Richardson.

Nell’album “Anarchytecture” troviamo Pete Davis in qualità di tastierista aggiunto. La grafica del progetto musicale è stata affidata dall’artista contemporaneo “No Curves” che ha curato anche la copertina dell’album. Gli Skunk Anansie intraprenderanno a breve un tour che li porterà a suonare anche in Italia nel periodo estivo. Di seguito le date nel nostro Paese: il 14 luglio saranno a Pistoia (Pistoia Blues Festival), al Postepay Rock di Roma; il 15 luglio ed infine a Piazzola sul Brenta (PD) il 17 luglio, presso l’Anfiteatro Camerini.

La Band e la sua musica

La musica degli Skunk Anansie è stata definita dai critici musicali internazionali un heavy metal “rabbioso”, quasi di protesta. Ma la musica degli Skunk, nel corso degli anni ha prodotto armonie rock, per così dire, più morbide, passando anche all’alternative rock e popo rock (come il caso di "Anarchytecture"), oltre che al Funk metal. La band è nata nel 1994 e si è sciolta nel 2001 per poi riformarsi nel 2009.

Tra il 2001 e il 2009 quasi tutti i componenti del gruppo hanno intrapreso la carriera solista. La caratteristica del gruppo Britannico è l’indole “nera” e femminista, ben interpretata dall’unica donna della formazione, la solista Skin (Deborah Dyer).

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto