Il libro del giornalista Riccardo schiroli è basato su una storia realmente accaduta, condito da una dose massiccia di immaginazione, lo scrittore ha trasformato il racconto in un genere di forte tendenza: "autofiction", come egli stesso afferma. Non è stato facile per un professionista dell'informazione lavorare sul contenuto e sul modo di comunicare della sua fantasticheria, abituato a narrare di fatti realmente accaduti, ha dovuto più volte rivedere il manoscritto negli anni. In definitiva il romanzo parla di un cambiamento profondo, radicale e innovativo che il protagonista compie realmente con l'avvento del web e poi nella storia lo traduce metaforicamente in una delusione d’amore.

Un significativo cambiamento

Riccardo Schiroli è un giornalista con un background importante: studi di economia, giornalismo al livello professionale, numerose lingue straniere; tutta questa esperienza egli l'ha riversata nelle pagine di questo romanzo. E' scritto in prima persona e questo lo rende altamente autobiografico, ossia induce il lettore a pensare che sia così. Il linguaggio è molto scorrevole, ricco di particolari, di descrizioni e continui flashback:nonostante tutto non risulta appesantito, la lettura è fluida e coinvolgente. Il lettore troverà complessivamente l'opera interessante e per alcuni tratti anche divertente.

Un viaggio per inseguire l'amore

La vicenda è ambientata fine anni '80, il protagonista, che sarebbe la voce narrante, intraprende un viaggio certo di inseguire e trovare l'amore vero.

Il romanzo narra degli anni dove non c'erano né internet e nemmeno gli smartphone, quindi tutto quello che poteva rappresentare il classico "sogno americano", per un perfetto figlio di papà benestante, rappresentava il massimo, come guardare i canali tv in una stanza d’albergo americana. Il viaggio verso gli Stati Uniti inizia con un bagaglio culturale che si è appreso solamente da media, giornali e Libri di scuola, con una dose di ingenuità dovuta all'età e la poca esperienza.

Il protagonista parte con un volo Linate- Zagabria diretto negli U.S.A da solo. I sogni e le speranze però svaniscono presto, infatti la sua avventura lo riporta ben presto a fare i conti con la dura realtà, la vita reale e per il ragazzo benestante e sognatore inizia il cambiamento, la metamorfosi che lo porterà a scoprire che l'amore non è quello che aveva inseguito e immaginato.

I ragazzi degli anni '80- '90

Il libro è rivolto a un pubblico che ha vissuto la propria gioventù negli anni '80-'90, dove non esistevano i social e internet. Per lo scrittore è stata una bella sfida quella di scrivere di un'epoca passata, dove le emozioni erano amplificate, non viaggiavano virtualmente, tutto quello che si faceva per la maggior parte era dettato da schemi imposti dalla società, alquanto bigotta e dove i figli di famiglie benestanti faticavano poco per ottenere risultati nella collettività e nella scuola. Questo romanzo narra di una storia riscritta un po' al rovescio, ma con una fortissima dote comunicativa e una sana ironia di fondo.

Segui la pagina Libri
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!