King,Soldatino e D'Artagnan,sono nomi entrati nell'uso comune, come lo è il fare o l'aver fatto una "mandrakata".Si tratta di epitetidiffusi, conosciuti e utilizzati più di quanto lo sia il recente petaloso. Termini che dobbiamo ad un filmsulle scommesse ippiche che compie, in questi giorni, ben 40 anni, ed è un vero e proprio cult che non riguarda solo il pubblico romano.

"Febbre da Cavallo"

Nato da un soggetto di Massimo Patrizi, racconta la storia di giocatori incalliti e indimenticabili come Mandrake, Er Pomata e Felice, edelle avventure che nascono da questapassione e, nel contempo, da questatragica debolezza, una sorta di vizio imperdibile.Il film, girato nel 1975 in gran parte traPiazza Margana e Piazza d'Aracoeli, inizialmente nelle sale non ebbe un'accoglienza calorosa, ma durante gli anni Ottanta i passaggi televisivi riscossero un crescente interesse da parte del pubblico, tanto che fu ripresentato anche alla Mostra del Cinema di Venezia.

Il cast era di tutto rispetto: Gigi Proietti, che nei titoli è indicato con il suo vero nome Luigi Proietti, Enrico Montesano che in epoca recente ha acquistato un cavallo e lo ha chiamato proprio Pomata, Francesco De Rosa, le bellissime Catherine Spaak e Nikki Gentile. Inoltre erano presenti Gigi Ballista, Marina Confalone,Mario Carotenuto e Adolfo Celi. La sceneggiatura fu scritta da Alfredo Giannetti, Enrico Vanzina e da Steno che ne fu anche il regista.

Tornano i driver e le scommesse a teatro

Proprio in questi giorni, si stanno definendo gli interpreti per la versione teatrale del film - che qualche anno fa è stato anche un musical - con l'adattamento dello stesso Enrico Vanzina e la supervisione artistica di Enrico Brignano. Le musiche sono di Fabio Frizzi.Il debutto è previsto per l'inizio del prossimo anno e quindi, finalmente, potremo tornare a divertirci con quel mondo stralunato, popolato da personaggi comel'avvocato De Marchis, il Conte Dallara, Manzotin,Jean Luis Rossini,Er Ventresca, Er Roscio e Bellicapelli.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cinema

Questi ultimi tre, nel film,alla presunta morte della nonna di Er Pomata, interpretano una sequenza di battute magistralmente surreali: "non ho parole, e pure se te lo dicessi, e che te lo dico a fa?". Tutto ciò prima che arrivi "Tornado", il vento che uccide, riferito all'alito di Giuliana.Riteniamo che anche la versione teatrale sarà un successo: "scommettiamo?".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto