L'Italia che conta si è ritrovata a Roma nella Sala Conferenze della Biblioteca Nazionale alla fine di gennaio per ascoltare dalla viva voce degli studiosi che hanno realizzato l'edizione del 30° Rapporto Italia la sintesi, quanto mai puntuale e concisa, del lavoro di ricerca svolto nel 2017. Tra le migliaia di pubblicazioni italiane, L'Eurispes propone da sempre una descrizione scientifica della società contemporanea e il Rapporto dovrebbe essere il riferimento e la base di riflessione per la formulazione di un programma di miglioramento e di sviluppo sociale.

Citiamo solo alcuni nomi: il Presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, il Direttore del Rapporto Susy Montante e il Presidente del Comitato Scientifico Paolo De Nardis. Possiamo aggiungere per motivi di spazio solo alcuni nomi eccellenti tra i collaboratori che sono del livello e del prestigio di Giampiero Gamaleri, di Antonio Foccillo, di Andrea Margelletti, di Gerardo Romano e di Carmelo Cedrone.

Per i politici in campagna elettorale il non essere presenti è stata una occasione persa

Al di là degli immancabili vertici della cultura, dell'università, delle forze armate e dei carabinieri, i grandi assenti quest'anno sono stati i politici che troppo spesso vediamo in televisione o sui social.

Peccato, avrebbero potuto assistere a una lezione di eleganza e di chiarezza nel descrivere proprio quella società italiana alla quale vorrebbero dare un indirizzo politico di crescita e di sviluppo. Speriamo almeno che qualcuno di questi leader trovi il tempo di sfogliare, nemmeno di leggere, le oltre mille pagine della pubblicazione e magari di ridurre ad un livello credibile le promesse che stanno via via facendo e che ingigantiscono all'avvicinarsi del 4 marzo giorno delle prossime elezioni.

Mille pagine di Italia, oggi

Dopo le considerazioni del prof.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Politica Elezioni Politiche

Gian Maria Fara, il libro si sviluppa in capitoli contraddistinti come sempre da dicotomie: Responsabilità-Irresponsabilità che indaga i rapporti tra individuo e comunità; Cultura-Culture sugli stili di vita in epoca di globalizzazione come ad esempio l'induismo in Italia, il rapporto con i nostri amici animali o i tanti libri e la poca lettura; Paura-Coraggio sull'attualissimo rapporto fra sicurezza e ferrovie regionali, sulla sharing economy o bullismo cyberbullismo; Fiducia-Sfiducia sul rapporto medico paziente o l'efficienza dell'amministrazione finanziaria; Crescita- Sviluppo incentrato su turismo e lavoro; Avvenire-Divenire che varia dai cambiamenti climatici alle migrazioni e alle Smart City. Insomma, ce n'è abbastanza per disegnare un concreto e reale programma politico .

Gli autori dei saggi inseriti nel Rapporto Italia 2018

Vanno ricordati anche gli autori dei saggi: Alberto Baldazzi, Vincenzo Macrì, Clotilde Marinacci, Alberto Mattiacci, Antonio Nicita e Marco Ricceri. Il Rapporto Italia è pubblicato dalla Edizioni Minerva.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto