Nella giornata di ieri un video caricato su Instagram dalla Dark Polo Gang ha creato enorme scompiglio nel rap-web. La breve clip ritrae due membri del collettivo romano, per la precisione Tony Effe e Wayne, dedicare una lunga serie di insulti a Bello figo Gu, l'incontrastato re del cosiddetto 'Lol Rap', autore di numerose hit da milioni di visualizzazioni su YouTube, come 'Pasta col Tonno', 'Sembro Juventus' o la più recente 'Referendum Costituzionale'. Nella parte finale della clip è possibile distinguere nettamente alcuni insulti razzisti forumulati da Tony Effe, circostanza inaspettata che ha determinato l'indignazione di molti fan del gruppo, nonché dei tanti osservatori della scena rap italiana.

Gli insulti razzisti a Bello Figo

'Uh Uh Uh!' E' il più classico degli insulti razzisti, il più cattivo tra i cori da stadio, quello che Tony Effe ha voluto dedicare alla nota star del lol rap nella parte finale della clip che sta facendo il giro del rap-web, il motivo di tanto astio nei confronti dell' autore di 'Pasta con Tonno', stando a quanto dichiarato nel video, sarebbe da individuare nel rifiuto da parte di quest'ultimo di rendersi disponibile ad un incontro con la dark polo gang.

Successivamente gli insulti razzisti della Dark Polo Gang sono continuati tramite la pubblicazione di un' immagine su Instagram caricata sul profilo di Wayne, una foto nella quale è possibile riconoscere lo stesso Wayne ritratto assieme a Pyrex, altro membro della gang, accompagnata dall'inequivocabile didascalia 'Non discendiamo dalle scimmie'.

I migliori video del giorno

La reazione del web

Non è la prima volta che il collettivo romano viene accusato di razzismo, ma è la prima volta che queste accuse non sono basate su supposizioni o su racconti, ma su video e foto, documenti prodotti dagli stessi membri del gruppo, prove tangibili, concrete e inequivocabili. La reazione del mondo del rap italiano è stata unanime e ferma nel condannare l'avvenuto, nessuna voce fuori dal coro, nessuna giustificazione, sia da parte del pubblico che dei pochi addetti ai lavori che hanno già espresso un parere su questa vicenda.