Il noto cantante canadese Michael Bublé sta vivendo ore di profondo dolore e sconforto ha causa della recente scoperta che ha sconvolto lui e tutta la sua famiglia. Al suo primogenito, il piccolo Noah di 3 anni è stato infatti diagnosticato un cancro. Il bambino era ricoverato in una clinica di Los Angeles già dal 30 ottobre a causa di alcuni problemi di Salute che avevano fatto pensare prima ad un caso di mononucleosi, poi ad angina fino ad arrivare alla terribile diagnosi di cancro. 

Michael Bublé annuncia sconvolto la malattia di suo figlio

In seguito alla scoperta è stato lo stesso cantante a comunicare il grave problema di salute del piccolo Noah e lo ha fatto tramite un comunicato sul noto social Facebook.

Qui in un post scritto da sua moglie (l'attrice argentina Luisana Lopilato) e firmata da lui si è detto devastato per quanto stava accadendo e ribadendo l'importanza che sia per lui che per la moglie rivestono da sempre i figli e la famiglia ha annunciato che entrambi metteranno da parte le loro carriere per dedicare tutto il loro tempo al loro primogenito ed affrontare con lui questa lunga battaglia. Il post continua con una richiesta ai fan, ovvero di rispettare la loro privacy e di aiutare il piccolo Noah a guarire restando accanto a lui con le preghiere.

Precedenti problemi di salute per Noah

Non è la prima volta che il piccolo Noah viene ricoverato per alcuni problemi di salute, prima di questa terribile scoperta, il primogenito di Bublé era stato ricoverato ben due volte l'anno scorso.

I migliori video del giorno

La prima volta si tratto di un piccolo problema respiratorio che fu risolto in breve tempo. Il problema più grave lo ha avuto nell'estate 2015 quando fu ricoverato in una clinica tedesca per un incidente domestico che gli procurò ustioni al braccio destro e ad una mammella. Il piccolo si rovescio addosso dell'acqua bollente. A causa di questo incidente fu operato ben 4 volte con anestesia totale con esito positivo. Dopo poco più di anno Noah si ritrova ad affrontare una dura battaglia per la sua vita.