Michael Douglas ha parlato qualche giorno fa di "Val Kilmer e della sua malattia" in un programma tv inglese: le due star hollywoodiane si conoscono dai tempi di "Spiriti nelle Tenebre"; le foto più recenti dell'attore lo ritraggono per strada con un foulard al collo (si pensa alla tracheotomia). 

L'attore di Top Gun e Batman ha sempre negato di avere un tumore alla laringe: la malattia colpisce  le persone di età superiore ai 55 anni ed è più diffuso nei maschi (Michael Douglas è appena guarito).

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cinema

La fede dell'attore

Gli amici più vicini all'attore proteggono la sua privacy ma da tempo Val Kilmer sarebbe in cura press il centro medico dell'Università della California (UCLA): la sua fede "cristiano scientista" (cristianesimo primitivo) lo aiuta in questo momento difficile (il film Il Santo è un tributo ai Templari); lui è molto legato al figlio Jack (l'attore è cresciuto senza la madre) e da buon padre di famiglia ha evitato i riflettori per il bene della famiglia.

L'attore americano è un convinto democratico e ha sangue indiano Cherokee: la sua partecipazione al film "Cuore di Tuono" è stata la sua occasione per sensibilizzare l'opinione pubblica sui problemi di disoccupazione e inquinamento  della Riserva Dakota (sono in agitazione contro il progetto di costruzione dell'oleodotto nel Nord Dakota).

Prevenzione della malattia

Il 95% dei tumori della laringe e dell'ipofaringe il più delle volte sono provocati dal fumo e dal consumo eccessivo di alcol.

Per la diagnosi l'esame più utile è la laringoscopia, una procedura indolore che permette al medico di ispezionare la laringe e le corde vocali.

I tumori della faringe e della laringe possono essere curati chirurgicamente e le linee guida consigliano di effettuare una visita specialistica l'anno, nel corso della quale il medico valuterà la presenza di eventuali lesioni a carico della mucosa della bocca e della parte più esterna della faringe. 

A pochi giorni dall'Election Day, Val Kilmer sarebbe impegnato nella battaglia più importante della sua vita.