È deceduto nella giornata di ieri 16 febbraio, a Roma, jannis kounellis, maestro dell’Arte povera, pittore e scultore greco nato al Pireo il 23 marzo 1936. L’uomo viveva e lavorava in Italia sin da quando aveva appena 20 anni ed a Napoli ha lasciato opere importanti e significative come ad esempio l'installazione nella metro di piazza Dante del 2002, dove pezzi di rotaia tengono strette delle scarpe sia maschili che femminili con l’intento di simboleggiare il continuo fluire dei passeggeri e della loro vita, e l’opera “Senza Titolo” creata nel 2005 e custodita all'interno di una stanza del Madre, oggi esposta alla Reggia Di Caserta. Kounellis giunse a Roma dalla Grecia nel 1956 per studiare presso l’Accademia delle belle arti.

Nel 1960 esordì nella capitale con la sua prima mostra alla galleria “La Tartaruga” e 12 anni dopo partecipò alla Biennale di Venezia.

Il cordoglio del Presidente della Regione Puglia

La notizia della triste scomparsa di Jannis Kounellis è giunta immediatamente in Puglia, dove il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliani, durante una conferenza stampa, ha espresso il cordoglio per la scomparsa del Maestro di arte contemporanea, pittore e scultore greco, con il seguente messaggio:Oggi per me è un momento di grande dolore per la morte del Maestro Kounellis che ha amato tantissimo questa città e ha amato la Puglia. Voleva fare tante cose per noi e noi abbiamo provato a realizzarle con lui. Lo ringraziamo perché quelle ore che abbiamo passato con lui, quella mostra che abbiamo organizzato insieme, ha aperto uno squarcio persino provocatorio con la sua opera Carboniera, creando, come sempre accade nell’arte contemporanea, un certo scompiglio.

I migliori video del giorno

Un maestro straordinario Kounellis, peraltro mediterraneo, un greco che diceva di essere italiano, che diceva di sentirsi italiano. Voglio fare le condoglianze a sua moglie che lo ha sempre accompagnato e della quale ho un ricordo dolcissimo. Non vedo l’ora di poterla abbracciare. Al termine del messaggio di cordoglio espresso dal Presidente, è scattato da parte dei partecipanti un forte applauso affettivo nei confronti del Maestro.