Si chiamerà Pop Voodoo il nuovo lavoro discografico dei black grape, la storica formazione capitanata dal re degli eccessi Shaun Ryder. Il nuovo album uscirà il prossimo 7 luglio e sono disponibili sin da ora i primi ascolti sulle piattaforme digitali del primo singolo estratto "Everything You Know is Wrong". A distanza di vent'anni dall'ultimo album pubblicato (Stupid Stupid Stupid 1997) i Black Grape sono pronti per una nuova avventura, suscitando incredibile entusiasmo nel mondo musicale e non solo.

Pubblicità
Pubblicità

Irvine Welsh, storico scrittore di Trainspotting, entusiasta per il ritorno dei Black Grape

Shaun Ryder rappresenta un punto focale di svolta per la cultura musicale britannica: agli inizi degli anni novanta diede infatti vita, insieme al fido compagno Bez, agli Happy Mondays, prodotti dal leggendario Tony Wilson della Factory Records. Presto i Mondays con i loro eccessi e la loro inconfondibile personalità, daranno vita al suono Baggy-Madchester, che da quel momento influenzerà gran parte degli artisti del Regno Unito e non solo: Manchester divenne così in quegli anni in brevissimo tempo, il fulcro della musica mondiale: tutto ruotava attorno alla Factory records e allo storico club Hacienda inaugurato dallo stesso Tony Wilson, trasformando così Manchester in una sorta di Firenze rinascimentale moderna.

Un vero e proprio esperimento sociale di fine millennio, amava definirlo lo stesso Tony Wilson. La Factory senza ombra di dubbio segnò positivamente un periodo fertile ed indimenticabile del cosiddetto "suono del nord". L'epopea degli anni novanta di Manchester, vennero poi divinamente raccontati dal film "24 hours party people" , titolo estratto da uno dei più riusciti brani degli Happy Mondays, che ben fa intuire quel quinquennio degli anni novanta ricco di ispirazione artistica, notti interminabili, balli sfrenati ed eccessi.

Pubblicità

Quello fu l'inizio della cultura rave, gli anni in cui anche l'uomo bianco iniziò a ballare

Non era più necessario fare esibire le band dal vivo per suscitare l'entusiasmo del pubblico; bastava far suonare con la giusta successione, una selezione di dischi ben riusciti, e suscitare naturalmente il ballo sfrenato e no stop del pubblico pagante. La storia della Factory è stata segnata prima degli Happy Mondays, da formazioni leggendarie, del calibro di Joy Division, poi New Order, A Certain Ratio e North Side.

Leggi tutto